Cinquanta miliardi di euro. Tanto valgono i patrimoni delle dieci persone più ricche d’Italia, secondo quanto emerge dall’ultima classifica stilata da Forbes nel marzo scorso. Ecco nel dettaglio i dieci ‘paperoni’ del nostro Paese.

1) MICHELE FERRERO: il patron dell’omonimo gruppo dolciario vanta un patrimonio di 14,2 miliardi di euro e si conferma l’italiano più ricco, al 23mo posto nella classifica mondiale.
2) LEONARDO DEL VECCHIO: il fondatore del colosso degli occhiali Luxottica è al 74mo posto nel mondo, con una fortuna di 8,6 miliardi di euro.
3) GIORGIO ARMANI: con lo stilista irrompe la moda nella classifica dei più ricchi d’Italia. Armani ha un patrimonio di 5,4 miliardi.
4) MIUCCIA PRADA: ancora moda con la stilista, considerata da Forbes anche la 79ma donna più potente del mondo. La nipote del fondatore Mario ha un patrimonio di 5,1 miliardi di euro.
5) PAOLO E GIANFELICE ROCCA: i fratelli Rocca hanno ereditato il 10% di Techint Financial, che controlla Tenaris, attiva nel campo dell’ingegneria energetica. Il patrimonio è di 6 miliardi e di 4,5 miliardi di euro
6) SILVIO BERLUSCONI: l’ex premier e fondatore di Mediaset e Fininvest è ‘solo’ sesto, con un patrimonio di 4,4 miliardi.
7) PATRIZIO BERTELLI: il marito di Miuccia Prada, amministratore delegato del gruppo, ha un patrimonio di 2,77 miliardi di euro.
8) STEFANO PESSINA: ex ingegnere nucleare, patron di Alliance Unichem, fusa col colosso farmaceutico britannico Boots nel 2006. Un patrimonio da 1,95 miliardi.
9) BENETTON: la famiglia veneta, titolare dell’omonimo marchio di abbigliamento, è presente per intero: Carlo, Gilberto, Giuliana e Luciano vantano un patrimonio di 1,5 miliardi ognuno.
10) MARIO MORETTI POLEGATO: il numero uno di Geox, nonostante il calo delle quotazioni azionarie, resta fra gli italiani più ricchi, con un patrimonio di 1,35 miliardi.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

“Qui in Sardegna anche
il suicidio è un lusso”

next
Articolo Successivo

Assediamoli

next