Quando siamo in una economia del “prendersi cura”, se condividiamo i beni comuni, non produciamo crescita economica, ma creiamo vita. E noi dobbiamo passare dall’illusione della crescita economica all’abbondanza di vita. Che é da dove arriva la creatività, da dove arrivano le sfide intellettuali e scientifiche, da dove nascerà la nuova economia e la nuova società. Ed è da qui che possiamo trovare la possibilità per la specie umana di avere un futuro.

È Vandana Shiva, leader storica del movimento ecologista internazionale, a pronunciare queste parole. Ad ascoltarle sono belle, ma come si traducono nella pratica quotidiana di ciascuno di noi? È davvero possibile muovere passi concreti nella direzione indicata da Vandana Shiva e dai tanti che la pensano allo stesso modo?

Passare dal dire al fare è difficile, ma si può tentare. È necessario, anzi. Ed è quel ch hanno fatto a Marzabotto e a Pioppe di Salvaro i cittadini della valle del Reno dove, da venerdi a domenica hanno parlato e cercato di capire se il loro territorio può diventare un Distretto di Economia Solidale. Un luogo, cioè, ove si possa vivere lasciando da parte il dogma della crescita illimitata per coltivare la pratica quotidiana dell’abbondanza di vita. Un’abbondanza che è presente ovunque se solo la si sa vedere.

I promotori sono Il Gruppo Ambiente della Banca del Tempo di Marzabotto e l’associazione Il Campanile dei Ragazzi di Pioppe che hanno costruito un programma ricco di esperti E dal quale sono usciti spunti interessanti.


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Veltroni, Cofferati, Zavoli e i fratelli Taviani: “Ciao Tonino e grazie per la tua poesia”

prev
Articolo Successivo

Aldrovandi, una diffamazione assurda

next