Per avere un negozio di successo non è più necessario andare alla ricerca di costose postazioni nelle zone più esclusive della città. E al contrario di quanto si possa pensare, l’e-commerce, non coincide necessariamente con la morte delle piccole realtà in favore della globalizzazione, ma con una rinascita del commercio. Questa tendenza, che ha conquistato una grande fetta del mercato, aggiudicandosi una crescita del 20 per cento rispetto alle origini (nel 2000) e un fatturato che supera gli 8 miliardi di euro, come registrato da uno studio del Consorzio del commercio elettronico italiano Netcomm in collaborazione con il Politecnico di Milano, è una possibile risposta a tutte le piccole e grandi realtà in crisi.

Chi ci ha visto lungo sono state proprio le grandi aziende di moda che per prime si sono affidate allo shopping online, come mezzo contro la recessione. Raccoglitore e precursore di questa tendenza è stato il portale multi-brand Yoox, creato nel 2000 da Federico Marchetti, che ha permesso la distribuzione, a livello nazionale, di marchi fino ad allora presenti in pochissime città (per lo più centri della moda come Milano o Roma), dando la possibilità al consumatore italiano di comprare comodamente da casa, ottenendo ottimi sconti sulle collezioni di fine stagione.

Grazie a esempi come Yoox, oggi anche i negozi presenti off-line hanno scelto la strada dell’e-commerce da affiancare alla vendita tradizionale. Ciò che emerge è una netta e positiva espansione oltre i confini italiani (esempi di successo sono Luisaviaroma a Firenze e 10 Corso Como a Milano). Su questa scia è stato creato Etsy, piattaforma che prevede la creazione di veri e propri di negozi on line, dove i privati possono mettere in vendita oggetti e abbigliamento. Obiettivo del portale è cercare un cambiamento dell’economia globale e spingere piccole realtà imprenditoriali a mettersi in gioco e tentare la fortuna, per dare dinamicità all’economia, non tralasciando un’attenzione particolare alla sostenibilità e a un commercio “vecchio stile”, tramite mezzi del tutto nuovi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La rabbia e l’amore

next
Articolo Successivo

Quella poesia di Pasolini non mi è mai piaciuta

next