Cinque sono le vittime di in un incendio divampato a Trapani, in via Omero, al quinto piano di una palazzina di sei piani. I vigili del fuoco sono al lavoro sul posto con quattro squadre. Le vittime sarebbero tutti membri di una famiglia. I corpi delle persone che hanno perso la vita nell’incendio, componenti a quanto pare, di una stessa famiglia, sono stati estratti dai vigili del fuoco. L’incendio è partito proprio da un appartamento al quinto piano dello stabile del quartiere periferico del quartiere Sant’Alberto. Il procuratore capo di Trapani, Marcello Viola che si è insediato pochi giorni fa si sta recando sul posto. A provocare l’incendio è stato un uomo che ha prima ucciso l’ex moglie, suocera, figlia di 10 anni e cognato disabile e prima di togliersi la vita ha dato alle fiamme l’abitazione.

L’omicida si chiama Pietro Fiorentino, 40 anni, disoccupato. Le altre vittime sono: Stefania Mighali, l’ex moglie quarantenne, la figlia Daniela di 10 anni e il fratello della donna, Hanzi di 55 anni. Fiorentino, dopo aver incendiato la casa, si è gettato da una finestra al sesto piano ed è morto sul colpo. A chiamare i carabinieri è stato un passante che ha visto uscire del fumo da una delle finestre del palazzo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Appello a Monti, obiettivo centomila firme
“Ok ai sacrifici, ma vogliamo reddito garantito”

prev
Articolo Successivo

Napoli, noi cosa proponiamo?

next