L’Agenzia delle Entrate interviene a Cortina e cerca di stanare i ricchi turisti, i vip e gli operatori commerciali ampezzani sconosciuti al fisco. Gli albergatori locali insorgono, preoccupati che l’attenzione sui loro ospiti possa far calare gli incassi. E il tutto accade propio mentre il presidente di Equitalia e direttore dell’Agenzia, Attilio Befera si trova nella località montana in vacanza.

Per il capogruppo del Pdl alla Camera, Fabrizio Cicchitto, “un controllo del genere è del tutto inaccettabile” ed è ispirato a una confezione ideologica del controllo fiscale. “Coloro che sovrintendono alla lotta all’evasione fiscale, e quindi tra essi in primo luogo il dottor Befera – ha proseguito Cicchitto – devono anche avere la consapevolezza che operazioni come quelle fatte ieri a Cortina con controlli a tappeto rispetto a tutta un’area perché presumibilmente popolata, in queste vacanze, da ricchi sono del tutto inaccettabili”.

Secondo quanto riporta questa mattina il Corriere della Sera, una task force di 80 ispettori tra il 30 dicembre e San Silvestro è calata in città e ha passato al setaccio i più noti alberghi della conca ampezzana, ma anche negozi, antiquari, ristoranti e gioiellerie frequentati abitualmente dai vip. Controllate anche le auto di lusso che circolano all’ombra delle Tofane. “Sono arrivati alle 8 del mattino e se ne sono andati dieci minuti dopo mezzanotte – si è sfogata l’albergatrice di un noto hotel cortinese – ho firmato il verbale che ero già in camicia da notte. Un blitz del genere in queste date è un attentato a chi lavora. I miei clienti hanno detto che se ne vanno a Sankt Moritz, questo stato poliziesco nessuno lo vuole accettare”. E qualche perplessità sulle modalità, ma soprattutto sui tempi scelti per i controlli, anche dall’assessore municipale al commercio, Luca Alfonsi che ha detto: “E’ uno shock per la località – dice – che così perde anche in immagine”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Tar blocca la Pedemontana Veneta.
Zaia: “Eccesso di democrazia è un male”

next
Articolo Successivo

Il gip copia il pm e il Riesame di Napoli annulla l’arresto di Gaetano Riina

next