Dal 12 dicembre 800 lavoratori delle società di gestione, manutenzione e pulizia dei Wagon Lits, i treni notturni, sono disoccupati. Agostino Palumbo, uno degli 800 lavoratori in presidio continuo alla Stazione Centrale di Milano, spiega che “un servizio dall’importante impatto sociale viene sostituito da Trenitalia con regolari corse dei treni Frecciarossa”. La protesta, con l’occupazione da parte di 3 lavoratori di una torre-faro sui binari della Stazione, giunta al quinto giorno, “ha avuto inizio grazie all’iniziativa dei nostri compagni che hanno deciso questa forma estrema di protesta, la cui determinazione ha poi coinvolto tutti noi per cui resteremo al loro fianco anche a Natale, capodanno e l’Epifania, fino a che non ci verrà restituito il lavoro” di Giovannij Lucci

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Beha: “Campionato incerto … e mediocre”

prev
Articolo Successivo

Rifiuti nel Lazio, cittadini contro il piano Polverini

next