Hanno tolto uno ad uno i banchi che ostruivano l’entrata del Liceo Copernico e smantellato le barricate che gli studenti occupanti avevano eretto contro un possibile sgombero. A farlo non sono state le forze dell’ordine, che erano comunque presenti, ma direttamente un gruppo di professori del liceo bolognese di via Garavaglia. Una scelta che non è servita a tenere bassa la tensione, anzi.

Infatti durante l’azione c’è stato anche del contatto fisico tra gli occupanti e gli studenti che volevano fare lezione. Una situazione tesissima che ha visto volare accuse da entrambe le parti. “Occupare è violento”, hanno detto alcuni dei professori. “Siete violenti voi, ci avete tolto i banchi da sotto i piedi mentre facevamo resistenza passiva”, hanno replicato i ragazzi. “Sono 11 anni che insegno in questo liceo e non avevo mai visto cose del genere”, spiega un docente che prende le distanze dalle scelte dei propri colleghi.

Ma non basta. Ad alimentare il caos e le polemiche anche alcuni post apparsi sul profilo Facebook dei rappresentanti d’istituto del Copernico: “Scontri tra gli occupanti e alcuni studenti guidati da Preside e molti professori”, “ragazzi lievemente contusi”, “i professori che dovrebbero dare l’esempio ed educarci lanciano invece sedie e banchi”. Notizie non verificate e smentite con nettezza dai diretti interessati che danno però l’idea dell’atmosfera nell’istituto.

L’azione dei docenti, accompagnata dal supporto prima del personale scolastico e poi anche di alcuni alunni che volevano fare lezione, è partita inizialmente senza opposizione attorno alle 8 di questa mattina. Assieme a loro anche un gruppo di pompieri con l’incarico di spezzare con le tenaglie le catene che tenevano chiuse le porte d’ingresso del liceo. A distanza un gruppo di carabinieri che si è limitato a osservare la scena.

In pochi minuti però il tentativo dei docenti di smantellare le barricate si è trasformato in una sorta di piccola guerra di trincea che vedeva da una parte gli occupanti e dall’altra il gruppo dei professori che, con alcuni studenti, era determinato a riprendere le lezioni. Mentre le barricate di sedie venivano smontate pezzo a pezzo da un lato, dall’altro si ricostruivano il più in fretta possibile. “Alla fine ci siamo messi in piedi sui banchi per impedirgli di entrare – ha spiegato una studentessa – ma ce li hanno tolti da sotto i piedi”. “Abbiamo fatto resistenza passiva, c’è chi ha rischiato di cadere”, sottolinea un altro degli occupanti.

Dal canto loro i docenti che hanno preso parte all’azione si difendono: “E’ vero, eravamo lì e siamo anche saliti sulle barricate, ma solo per smontarle senza che nessuno si facesse male”. Fatto sta che la tensione per qualche minuto è salita alle stelle, e qualcuno denuncia anche qualche spintone. “E’ normale quando succedono cose del genere, la verità è che la situazione è rimasta sempre sotto controllo”, ha spiegato un altro docente.

Ma non tutti la pensano così e nell’assemblea generale del liceo, che si è tenuta in mattinata, un paio di professori hanno preso la parola per dirsi molto dispiaciuti di quanto successo. “Vogliamo solo riportare l’armonia e il confronto”, ha detto poi la preside. Il liceo Copernico era stato occupato nei giorni scorsi in protesta contro il progetto provinciale di costruzione di un nuovo parcheggio, una cancellata e un pannello anti rumore. Una decisione, quella della cancellata, nata dopo che un gruppo di homeless aveva preso l’abitudine di dormire sotto i portici dell’istituto.

Da qui l’idea di chiudere all’accesso esterno la striscia di verde antistante il liceo. Una scelta criticata anche dall’associazione Amici di Piazza Grande:”L’esclusione sociale non si supera alzando muri, la Provincia torni sui suoi passi”. E in effetti l’assessorato provinciale al bilancio e ai lavori pubblici aveva deciso di sospendere il progetto, ma non di annullarlo. Da qui la decisione degli studenti di occupare: “Finché il progetto non sarà ritirato il Copernico resterà occupato“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Black block, il documentario sulle violenze alla Diaz e a Bolzaneto stasera a Bologna

next
Articolo Successivo

Qualità della vita: Bologna al top, Foggia fanalino di coda

next