Si chiama “Agrodolce“, ma il bilancio è decisamente amaro. La fiction di Raitre, voluta da Minoli, Agostino Saccà e dalla Regione Siciliana, doveva ricreare a Termini Imerese una nuova Cinecittà: 230 puntate girate, al costo di 100mila euro ciascuna. Nel 2007 la società Einstein vince l’appalto per produrre la prima serie. Ma oggi sostiene di avere perso più di 8 milioni di euro. Nel frattempo, Agrodolce è morta. Le 134 maestranze sono in cassa integrazione. Il tesoro dei fondi Fas verrà con tutta probabilità tolto all’isola dal Cipe. E Termini Imerese perderà un investimento totale di 46 milioni se, entro il 30 dicembre, la televisione di Stato e la giunta di Raffaele Lombardo, non troveranno una soluzione. Così oggi sul tavolo restano solo degli studi vuoti, le speranze deluse dei siciliani, lo spreco di soldi pubblici e un mare di singolari intercettazioni che raccontano: gli enormi interessi che vi erano dietro la serie tv, i casi di nepotismo e gli uomini in “odor di mafia” che vi ruotavano attorno (Leggi l’inchiesta del Fatto Quotidiano).

Ecco i sei capitoli della ricostruzione audio video che riassumono la vicenda.

Capitolo 1
Soap con i costi e la qualità del cinema

Capitolo 2
L’affaire degli studi di Termini Imerese

Capitolo 3
I raccomandati e quei personaggi in odor di mafia

Capitolo 4
Le location dove hanno transitato i boss di Cosa nostra

Capitolo 5
Minoli consiglia l’Einstein di far entrare un nuovo socio

Capitolo 6
Saccà: “Minoli mi suggerì di entrare come socio produttore di Agrodolce”

La versione intera sullo scandalo Agrodolce

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il plastico di Monti

prev
Articolo Successivo

La diserzione della Rai
(e del giornalismo)

next