Si potranno indossare al polso come un orologio o più semplicemente sulla cintura dei pantaloni e potranno portare a un miglioramento notevole nella qualità della vita di ogni malato. Parte dall’Università di Bologna e avrà il finanziamento dell’Unione Europea la ricerca per mettere a punto degli avveniristici sensori wireless. Questi piccoli apparecchi tecnologici, comunicando con una specie di lettore mp3, potranno sondare a distanza la condizione di chi soffre del morbo di Parkinson, rallentando così il progredire del male ed evitando al malato molte sedute riabilitative nei centri specializzati. I sensori consentiranno infatti una sorta di riabilitazione a domicilio.

Il progetto, presentato in occasione della giornata mondiale della malattia di Parkinson, si chiama CUPID (acronimo inglese che sta per “sistema a ciclo chiuso per la riabilitazione personalizzato e a domicilio delle persone con malattia di Parkinson) e cercherà di mettere appunto un metodo di riabilitazione a domicilio, sotto la supervisione medica a distanza, portando la tecnologia a casa dei pazienti. Tutto il sistema si baserà su piccoli sensori wireless che misurano i movimenti. I sensori a questo punto comunicheranno con un sistema video o con un dispositivo simile a un lettore mp3 per aiutare il paziente nel fare gli esercizi riabilitativi a casa, o addirittura al parco durante una passeggiata. Tutte le informazioni riguardanti questi esercizi saranno quindi registrate e inviate ai centri di cura e al proprio neurologo.

“Il principio è quello di fornire al paziente stimoli video, acustici o tattili poco prima dell’insorgenza di disturbi come il congelamento, cioè quella brusca incapacità di iniziare movimenti volontari che, appunto, ‘congela’ il paziente”, spiega Lorenzo Chiari ricercatore in elettronica, informatica e sistemistica all’Università di Bologna. “Lo scopo – prosegue Chiari – è far ripercorrere le tappe dell’apprendimento di alcuni movimenti a questi pazienti, sfruttando canali alternativi che la malattia non intacca”. Il tutto avverrà, e questo è l’innovazione, senza avere un fisioterapista al fianco tutti i giorni per tutto il giorno. Ci sarà una supervisione clinica, è vero, ma a distanza.

L’Alma Mater guiderà l’intero progetto, che costerà in 3 milioni e mezzo di euro (l’Europa finanzierà per 2,7 milioni) e vedrà la partecipazioni del Politecnico di Zurigo ETH, dell’Università cattolica di Lueven in Belgio, di un importante centro clinico israeliano e di tre imprese, due italiane e una spagnola.

La ricerca bolognese potrebbe comportare sviluppi importanti nei confronti di una malattia degenerativa e inguaribile che da un po’ di tempo a questa parte si combatte soprattutto con la riabilitazione, più che con i farmaci. Secondo gli esperti infatti la plasticità delle cellule nervose dei malati è ancora attiva e quindi un percorso riabilitativo può essere molto utile.

La malattia di Parkinson è un disturbo del sistema nervoso centrale dovuto alla degenerazione di alcune cellule nervose e caratterizzato da tre sintomi classici: tremore, rigidità, lentezza dei movimenti e altre grosse difficoltà motorie. La qualità della vita naturalmente peggiora con il progredire della malattia. Solo in Italia il male colpisce 200 mila persone.

d.m.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’attore-operaio Bugani: “Fabbriche chiuse? Accuso destra, sinistra e sindacati”

next
Articolo Successivo

La poliziotta-scrittrice: “Sull’assalto alla Diaz assoluzioni dubbie”

next