La pioggia, per fortuna, non porta solo tragedie, anche se ultimamente si fatica a crederlo. Nutre il terreno, garantisce la vita e, oltre tutto il resto, è l’evento meteorologico che provoca la nascita di uno degli ingredienti più amati della cucina italiana: i funghi. Ne esistono più di 100.000 specie e riconoscere quali tra esse siano quelle commestibili, è materia di studio degli uomini sin dai tempi antichi. Oggi è compito di esperti riconosciuti in micologia e di enti specializzati.

Questi particolari vegetali con un loro Regno dedicato, appunto quello dei funghi, non hanno radici, né tronco, né foglie. Sono ricchi di acqua e sali minerali (fosforo e potassio), e di importanti elementi per la salute dell’uomo quali il selenio, lo zinco e il magnesio. Contengono proteine ( al 4%) e vitamina B2. Possono essere poco adatti per chi ha un’allergia riconosciuta a muffe e lieviti.

La ricerca e la raccolta dei funghi sono attività tradizionali che si imparano da chi ha più esperienza e spesso vengono tramandate di padre in figlio. Nessun esperto racconterà tutti i segreti né svelerà i luoghi dove i funghi nascono, queste informazioni appartengono al prezioso bagaglio personale di un trovatore. Ci sono però alcune regole più conosciute, ad esempio: il momento adatto per uscire a cercar funghi nei boschi è dopo un periodo di piogge non troppo intense con temperature miti al quale seguono giornate di sole, ma non è detto che la spedizione porti ad un ricco bottino.
Sono invece molto chiare le raccomandazioni per chi si avventura in un bosco poco frequentato (ideale per i funghi) e le ricordiamo: non si esce mai da soli e mai al tramonto ed è necessario non perdere l’orientamento. E’ consigliato anche informare sempre chi resta a casa su dove si sta andando, per qualsiasi evenienza.

Ad ogni modo, una volta raccolti o acquistati, i funghi si possono cucinare in moltissimi modi diversi e volendo, è possibile congelarli seguendo qualche indicazione: lavateli bene e sbollentateli per qualche minuto, chiudeteli in sacchetti da freezer togliendo tutta l’aria e metteteli nel congelatore. Scongelateli per gustarli in qualsiasi momento dell’anno.
Prima di consigliarvi una ricetta a base di funghi freschi, ecco l’elenco della frutta e della verdura di stagione:

Zucca, broccolo, cavolo cappuccio, cavolo verza, cavolfiore, cipollotto, cipolla, scalogno, aglio bianco e rosso, porro, cardo, sedano, cavolino di bruxelles, fungo, cime di rapa, sedano rapa, topinambur, tartufo bianco e nero. E poi kiwi, cedro, mandarino, arancia, pompelmo, pera, mela, melagrana, frutta da guscio, castagna, melone d’inverno, uva da tavola, cachi.

Zuppa di funghi misti
Grazie a Marzia Flavi (Rocca di Papa, Roma)

Ingredienti (per 4 persone)
300 g di funghi freschi misti, 2 patate grandi, 1 carota, 2 cipolle, 1 scalogno, 1 spicchio d’aglio, brodo vegetale, sale, pepe, olio extravergine di oliva, prezzemolo fresco, fette di pane (anche raffermo)

Preparazione
Tritate la cipolla, lo scalogno e la carota, spremete uno spicchio d’aglio (o schiacciatelo con il lato del coltello) e lasciate soffriggere per qualche minuto in una padella con un filo d’olio a fuoco moderato. Lavate i funghi, tagliateli in piccoli pezzi e versateli nel tegame insieme alle patate, tagliate anch’esse in piccoli cubi. Versate del brodo vegetale e fate cuocere per circa mezz’ora, sommando altro brodo se necessario. Giunti a metà cottura frullate bene con il minipimer e aggiustate di sale e pepe poi terminate la cottura. Servite ponendo nel piatto dei dadini di pane raffermo o tostato, la zuppa e condite con olio a crudo e prezzemolo fresco. Potete decorare il piatto con qualche fettina di fungo lasciata cuocere con il resto delle verdure e separata prima di frullare il contenuto del tegame.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il semolino del codardo

next
Articolo Successivo

Folle idea di fare… con amore

next