Guillermo Leon Saenz Vargas, detto Alfonso Cano

Duro colpo del governo di Bogotà contro le Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc): in un bombardamento dell’esercito nella foresta del sudovest del paese è stato ucciso il leader del gruppo guerrigliero, Guillermo Leon Saenz Vargas, detto Alfonso Cano.

A rendere nota la notizia è stato il governo di Josè Manuel Santos, che prima di diventare presidente è stato per molti anni ministro della Difesa, e che è pertanto stato in prima linea nella lotta alle Farc, la guerriglia più antica ancora attiva in America latina.

Cano, che aveva 63 anni, è rimasto ucciso durante un bombardamento dell’esercito nell’area rurale del dipartimento del Cauca, in una zona che – hanno precisato le fonti – viene utilizzata dai guerriglieri quale “corridoio strategico”. Cano è morto dopo essere rimasto ferito durante un attacco vicino ad un centro chiamato Lopez de Micay, nel quale sono rimasti uccisi anche la sua compagna e altri guerriglieri. Dopo il bombardamento – hanno precisato fonti locali – c’è stata una battaglia durata circa dieci ore tra i soldati di Bogotà e il ‘sesto fronte’ delle Farc. Le stesse fonti hanno precisato che al termine degli scontri, i soldati hanno rastrellato l’area, trovando i corpi di Cano e degli altri uomini delle Farc, tra i quali alcuni dei guerriglieri responsabili della sicurezza dello stesso Cano.

Durante la giornata di ieri, portavoci militari di Bogotà avevano reso noto che l’esercito stava portando a termine un bombardamento nell’area del Cauca. Negli ultimi mesi, il governo aveva d’altra parte più volte riferito che le forze armate erano ogni volta più vicine ai luoghi nella foresta dove si nascondeva Cano e i suoi compagni.

“Questo è il colpo più duro contro la guerriglia”, ha commentato l’ex presidente Andres Pastrana, ricordando che nel settembre dell’anno scorso era stato ucciso il capo militare dei guerriglieri, ‘Mono Rajoy‘ (Victor Rojas).

Cano era diventato il leader del gruppo nell’aprile del 2008, dopo la morte del fondatore delle Farc, Pedro Antonio Marin ‘Tirofijo’.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cuba e l’ebbrezza di comprarsi casa

prev
Articolo Successivo

Guy Fawkes, V e gli indignati

next