Sono entrati nella sede del Comune di Sesto San Giovanni, hanno acceso i computer e rovistato tra carte e documenti, ma non hanno rubato nulla. Non si conosce ancora l’identità degli autori della strana irruzione avvenuta la notte scorsa al piano terra del civico 28 di via Benedetto Croce a Sesto San Giovanni, dove si trovano gli uffici direttivi del Demanio e del Patrimonio dell’ex Stalingrado d’Italia.

A dare la notizia è stata la stessa amministrazione del Comune di Sesto, il cui primo cittadino Giorgio Oldrini è indagato, insieme all’ex sindaco Filippo Penati, nell’ambito dell’inchiesta sulle presunte tangenti per l’area ex Falck. Proprio dal Comune fanno notare che non si è trattato di un furto: “Stranamente, pur avendo a disposizione telefoni cellulari e computer portatili – ha spiegato un portavoce dell’amministrazione – non è stato rubato nulla ma sono stati accesi i pc e sono stati buttati a terra carte e documenti, presumibilmente dopo averli visionati”. I carabinieri di Sesto stanno indagando sull’episodio.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I preti romani contro il vicario capitolino:
“Si comporta da maresciallo, non da vescovo”

prev
Articolo Successivo

Castel Volturno, nella terra dei casalesi
arriva la “mozzarella della legalità”

next