Marcia indietro del ministro dell’Istruzione Mariastella Gelmini, dopo il comunicato stampa emesso ieri dal Miur sulla scoperta del Cern. A suscitare perplessità è la frase relativa alla costruzione di un tunnel tra il Cern di Ginevra e i laboratori del Gran Sasso. Un tunnel che, fisicamente, non c’è. La Gelmini ammette oggi che “il comunicato stampa poteva essere formulato in maniera più precisa”, ma è “in malafede chi ritiene che qualcuno al Ministero possa pensare veramente che esista un tunnel di questo tipo”. “Il vero tunnel – prosegue la Gelmini – è quello di chi alimenta polemiche pretestuose prive di senso, proprio in un momento storico per la ricerca italiana”.

Gli internauti intanto si sono scatenati: su twitter una valanga di messaggi commentano il comunicato stampa, con frasi ironiche come queste:

“Chuck Norris imbocca contromano il #tunnelgelmini”
“Blocco causa incidente al Km 485 del #tunnelgelmini. Si segnalano tempi di percorrenza allungati di 60 nanosecondi”
“Mariastella Gelmini è la dimostrazione che su eBay si trovano diplomi di laurea credibili e in ottimo stato. #tunnelgelmini”
“Autorità all’inaugurazione del #tunnelgelmini”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Appalti G8, rinviati a giudizio 18 imputati
tra cui Bertolaso, Anemone e Balducci

prev
Articolo Successivo

Favignana, la mattanza della tonnara
in nome dello star system

next