Dopo il sì alla manovra del Consiglio dei Ministri i sindaci italiani si mobilitano, proprio come avevano fatto il 29 agosto scorso a Milano. La data in calendario, per quello che si annuncia come un vero e proprio sciopero dei sindaci, è quella di giovedì prossimo. Il primo cittadino di Roma, Gianni Alemanno, annuncia “mobilitazioni in ogni consiglio comunale, con assemblee aperte a tutti i cittadini”. Anche il vicepresidente dell’Anci, Graziano Delrio annuncia iniziative contro il governo: “Senza voler creare troppi disagi ai cittadini vogliamo riconsegnarne simbolicamente le funzioni che ci sono state date dall’esecutivo, per far capire che non siamo in grado di adempiere ai doveri che la Costituzione ci impone a causa dei tagli imposti dalla manovra”.

Sempre giovedì le Regioni, insieme a Province e Comuni, consegneranno all’esecutivo i contratti del trasporto pubblico locale su ferro e gomma, mentre oggi invieranno una lettera al governo: la speranza è quella di riuscire a ottenere delle modifiche al testo. L’Anci presenterà un ricorso alla Corte Costituzionale sugli articoli 4 e 16 della manovra, cioè quelli che che obbligano le amministrazioni locali alla dismissione delle società partecipate e che intervengono sull’organizzazione istituzionale dei piccoli comuni. Il direttivo dell’Anci ha deciso di dare il via a un’iniziativa bipartisan, nel tentativo di fare approvare al Parlamento un ordine del giorno che impegni il governo a istituire una Commissione mista per il riassetto istituzionale, con la partecipazione degli enti locali. In programma anche la richiesta di un incontro con il governo, per capire in che modo il vincolo del pareggio di bilancio inciderà sui comuni.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

No al linciaggio delle Province

prev
Articolo Successivo

E se Maran, il delfino
di Penati…

next