Wikileaks ha annunciato di aver pubblicato online tutti e 251.287 i cablogrammi diplomatici americani in suo possesso. Il sito creato di Julian Assange, diventato un caso mondiale dopo la pubblicazione di migliaia di documenti classificati del governo statunitense, ha annunciato su twitter di aver completato la procedura di pubblicazione iniziata il 28 novembre 2010.

I cablogrammi provenienti dalle rappresentanze diplomatiche Usa in Italia sono circa 2.970, inviati per lo più dall’ambasciata a Roma, e solo una settantina dai consolati di Napoli, Milano e Firenze. I documenti abbracciano un arco di tempo di 22 anni, dal 25 agosto 1988 al 26 febbraio 2010.

I cablogrammi sono consultabili con l’aiuto di parole chiave, annuncia Wikileaks su twitter, senza precisare se siano stati diffusi in maniera integrale o se alcuni elementi, per esempio certi nomi di persona, sono stati cancellati come avvenuto in passato.

Sul sito di Wikileaks la funzione di ricerca per parole chiave sembra al momento disabilitata, mentre è disponibile un motore di ricerca su un sito mirrorcontinua la diffusione dei cablogrammi su twitter.

La prima critica a questo nuovo annuncio arriva da Amnesty International: “Ci dispiace che documenti che mettono a rischio persone, tra cui attivisti per i diritti umani, siano diventati pubblici”, ha detto l’organizzazione al Times di Londra. Una netta presa di distanza arriva anche dai giornali che erano stati partner di Wikileaks nella pubblicazione dei documenti riservati nei mesi scorsi. “Deploriamo la decisione di pubblicare i cablo non editati, cosa che può mettere a rischio la vita delle fonti”, affermano in un comunicato congiunto Guardian, New York Times, El País e Der Spiegel. “Difendiamo quel che abbiamo fatto in collaborazione con Wikileaks ma siamo uniti nel condannare la non necessaria pubblicazione dei dati completi. La decisione di pubblicare da parte di Julian Assange è stata sua e sua soltanto”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ankara espelle ambasciatore israeliano
“Illegale il raid contro la Freedom Flottilla”

prev
Articolo Successivo

Nuove sanzioni dell’Europa contro la Siria
Bloccato l’export del petrolio

next