La manovra del governo Berlusconi stringe la cinghia un poò ovunque anche sulle feste. Quelle patronali, ad esempio, che vengono bocciate. Mentre a salvarsi sono quelle laiche come il primo maggio, il 25 aprile e il 2 giugno. Inoltre è stato approvato all’unanimità dalla commissione Bilancio del Senato, un emendamento del Pd alla manovra che conferma, inoltre, il salvataggio delle feste concordatarie.

Nel pomeriggio un avvertimento era arrivato dal segretario della Cgil Susanna Camusso: “Continueremo a festeggiare le feste laiche”. Salva anche le accademie della Crusca e dei Lincei.Viene cancellata la soppressione (prevista dal decreto legge) degli enti di ricerca e culturali sotto i 70 dipendenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Profumo for president

next
Articolo Successivo

“Berlusconi candidato nel 2013”
Lo garantisce Angelino Alfano

next