Il cocomero non serve solo per dissetarsi, ma anche per cambiare il mondo e per rimettere le cose nel luogo giusto.

Gli autori di questa storia sono alcuni coltivatori biologici romagnoli che hanno riscoperto una specie di cocomero che era diffuso fino a pochi decenni fa e poi abbandonata perché non rispettava le specifiche della grande distribuzione.

Ma è successo l’imprevedibile. E’ successo che durante l’emigrazione italiana in Canada una famiglia di Bagnacavallo porta con sé i semi di questo cocomero e lo riproduce. Il risultato è che mentre da noi questa specie era scomparsa in Canada è sopravvissuta.

Insomma i migranti sono una ricchezza in ogni senso. Senza di loro il cocomero di Bagnacavallo sarebbe definitivamente scomparso dalla faccia della Terra. Non sarebbe stata una gran perdita per molti, ma per me che l’ho mangiato vi garantisco che è una gran bella cosa che sia tornato a casa.

Per sapere tutto sul cocomero di Bagnacavallo: www.radisa.it

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Calcio, un lavoro fatto con i piedi

next
Articolo Successivo

Timbrare il cartellino alla festa dell’Unità

next