Il cocomero non serve solo per dissetarsi, ma anche per cambiare il mondo e per rimettere le cose nel luogo giusto.

Gli autori di questa storia sono alcuni coltivatori biologici romagnoli che hanno riscoperto una specie di cocomero che era diffuso fino a pochi decenni fa e poi abbandonata perché non rispettava le specifiche della grande distribuzione.

Ma è successo l’imprevedibile. E’ successo che durante l’emigrazione italiana in Canada una famiglia di Bagnacavallo porta con sé i semi di questo cocomero e lo riproduce. Il risultato è che mentre da noi questa specie era scomparsa in Canada è sopravvissuta.

Insomma i migranti sono una ricchezza in ogni senso. Senza di loro il cocomero di Bagnacavallo sarebbe definitivamente scomparso dalla faccia della Terra. Non sarebbe stata una gran perdita per molti, ma per me che l’ho mangiato vi garantisco che è una gran bella cosa che sia tornato a casa.

Per sapere tutto sul cocomero di Bagnacavallo: www.radisa.it

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Calcio, un lavoro fatto con i piedi

prev
Articolo Successivo

Timbrare il cartellino alla festa dell’Unità

next