Il leader leghista si è fratturato il gomito sinistro, cadendo nella sua abitazione di Gemonio (Va). Nelle prime ore della mattina è stato portato all’ospedale di Cittiglio, dove gli hanno steccato il gomito e poi lo hanno mandato a casa. Ai sanitari ha raccontato di essere caduto dal letto. La struttura ospedaliera è la stessa in cui venne portato la notte dell’11 marzo del 2004 quando venne colpito da un ictus cerebrale. Quella notte i medici del pronto soccorso dell’ospedale prestarono le prime cure, ma poi Bossi fu trasferito all’ospedale di Varese.

A confermarlo è il figlio, Renzo Bossi, che dice: “Papà è scivolato stanotte in casa, come capita, e lo abbiamo accompagnato al pronto soccorso, per degli accertamenti, e i medici gli hanno riscontrato una frattura al gomito sinistro”. La parte è stata immobilizzata in attesa di capire se sarà necessario un intervento chirurgico.

In forse i prossimi appuntamenti in agenda: il Senatùr aveva in programma di trascorrere il fine settimana in Liguria, dove aveva impegni a partire da stasera, al comizio alla Festa provinciale del Tigullio, a Leivi. Domani Bossi avrebbe dovuto assistere alla tradizionale immersione nella acque di San Fruttuoso di Camogli (Cristo degli abissi), mentre sabato sera aveva in programma un comizio a Diano Marina.

Si scatenano le reazioni del mondo politico. Secondo Bobo Craxi, Psi, Bossi dovrebbe ritirarsi dalla scena politica: “C’è qualcosa di crudele e di cinico nel voler perseverare a mantenere in una funzione pubblica una persona in evidente difficoltà”. Il movimento dei giovani padani ha fatto gli auguri di buona guarigione al Senatùr, che per loro è “leader e capo indispensabile”. Calderoli era invece al Meeting di Rimini quando ha appreso la notizia: “Bossi non l’ho ancora sentito, ho sentito i suoi collaboratori ma voglio parlare direttamente con lui”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“La partita rimane aperta”. Ecco le cronache degli inviati italiani rapiti in Libia

next
Articolo Successivo

La prescrizione salva Penati dal carcere
“Gravi indizi di corruzione, ma episodi vecchi”

next