Spostare il 25 aprile, ma anche il 1 maggio e il 2 giugno, alla domenica più vicina oppure al lunedì. Far slittare le “feste non concordatarie”, le feste laiche, non religiose. E’ una delle sorprese riservate agli italiani dalla manovra del governo. E nel silenzio agostano, quando quasi tutti sono in ferie, la sorpresa è anche un’altra. Proprio i partigiani d’Italia, non esattamente dei ragazzini cresciuti accanto a una tastiera, fanno boom di “mi piace” su facebook: la nota dell’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) rivendica il 25 aprile e le atre feste. E se anche molti sono in ferie, attraverso la rete e proprio sui social network scorre l’ondata di proteste contro la scelta del governo.

Un provvedimento caduto nel silenzio generale, attacca lo Uaar (Unione atei e agnostici razionalisti) che sul suo sito parla di “resa incondizionata dell’intero arco parlamentare alle esigenze del Vaticano” – le parole sono del segretario Raffaele Carcano. Nella terra emiliano-romagnola, nella regione dell’eccidio di Marzabotto, dell’uomo che verrà, emerge ancora più forte e chiara la “vivissima preoccupazione” manifestata nelle parole dell’Anpi. E a insorgere sono tanti.

Roberto Grendene dell’Uaar di Bologna non è affatto convinto che le ragioni della crisi spieghino la decisione del governo e fa i dovuti distinguo: “Razionalizzare le festività è plausibile, ma è assurdo attaccare le date simbolo dei valori civili. E come associazioni stiamo reagendo in tanti, lo Uaar ma anche Rete Laica. Certo, molti sono in ferie, ma lo diciamo a chiare lettere e l’abbiamo anche scritto: difendiamo le radici laiche e diciamo no ai privilegi su base religiosa”. Grendene lancia una provocazione al governo: perché non annullare le festività dei santi patroni? Il 25 aprile e il 1 maggio dovrebbero al contrario essere tutelate, “tantopiù in una regione come l’Emilia Romagna per noi sono date simbolo”.

Su facebook le voci indignate sono tante: “25 aprile e 1 maggio, proprio non li sopportano!”, scrive Daniele, mentre Carla insorge contro “lo smantellamento di valori e tradizioni” e in tanti inneggiano alla protesta. Alcuni chiedono di più, anche all’Anpi. Chiedono parole più dure, “un comunicato meno edulcorato”. E per ora, se facebook insorge, la politica fa poco rumore. Per ora si sono espressi i consiglieri regionali Favia e De Franceschi, per condannare “il sacrificio del 25 aprile, del 1 maggio e del 2 giugno in nome della logica del Pil, la stessa che ci ha portati alla rovina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Prodi: “Toccato il fondo, il Paese va in rovina
La salvezza della democrazia? Le ricevute”

next
Articolo Successivo

Rimini alla guerra delle festività: “Il governo ammazza il turismo”

next