I carabinieri si sono presentati nella redazione romana dell’Espresso per eseguire un “sequestro preventivo” delle foto di Villa Certosa scattate dal reporter Antonello Zappadu. Si tratta delle immagini pubblicate nel servizio di copertina lo scorso 17 giugno, in cui si vede Silvio Berlusconi che intrattiene due ragazze in un padiglione della sua tenuta di Porto Rotondo. Le foto erano state scattate domenica 12 giugno, il giorno in cui gli italiani andarono a votare i referendum sull’acqua, sul nucleare e sul legittimo impedimento, che raggiunsero il quorum sconfessando la linea del governo. Da qui il titolo di copertina dell’Espresso:  “Tu quorum, io Papi”.

L’ordine di sequestro è stato emesso dal tribunale di Tempio Pausania dopo la denuncia presentata dal presidente del Consiglio. “Sorprende l’adozione della formula giuridica del sequestro preventivo, un provvedimento molto grave perché limita la libertà di stampa”, si legge in una nota del settimanale, “nei confronti di fotografie già pubblicate: come se ci fosse il timore che le immagini potessero contenere altri elementi fastidiosi per la privacy del premier. Un’iniziativa legale che rappresenta comunque una forma di intimidazione nei confronti di nuove pubblicazioni”.

Ma nell’era del web è difficile far sparire delle fotografie. Il materiale sequestrato è infatti tuttora visibile sul sito del settimanale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cameron come l’Iran: bavaglio per il web

prev
Articolo Successivo

Meno male che il Tg di Uno c’è!

next