Cinque anni di squalifica più preclusione (che equivale alla radiazione) piu’ un anno e 6 mesi di squalifica in continuazione. Lo ha chiesto il Procuratore federale Stefano Palazzi nei confronti di Beppe Signori, coinvolto nello scandalo del calcio scommesse.

La stessa richiesta di radiazione fatta per Signori, il Procuratore federale Palazzi l’ha avanzata per gli ex calciatori Antonio Bellavista (5 anni più preclusione più 3 anni e 6 mesi in continuazione) e Mauro Bressan (5 anni più preclusione più 6 mesi in continuazione); per il ds del Ravenna Giorgio Buffone (5 anni più preclusione più  3 anni e 3 mesi in continuazione); per l’ex calciatore di calcio a 5 Massimo Erodiani (5 anni di squalifica più preclusione più 8 anni in continuazione); Gianni Fabbri (5 anni più preclusione); per il calciatore del Piacenza Carlo Gervasoni (5 anni più preclusione più 1 anno in continuazione); per il calciatore della Cremonese e poi del Benevento Marco Paoloni (5 anni più preclusione più 5 anni in continuazione); per il preparatore dei portieri del Ravenna Nicola Santoni (5 anni più preclusione); per il calciatore dell’Ascoli Vincenzo Sommese (5 anni più preclusione più 2 anni in continuazione).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Due Torri connection”: narcotraffico a Bologna, quattordici arresti

prev
Articolo Successivo

Inceneritore di Parma, il comitato: “Opera di marchio Pd, il progetto è di Hera”

next