“La Conferenza unificata di oggi ha registrato un conflitto istituzionale profondo tra Governo da una parte e Regioni e Enti locali dall’altra”: lo ha riferito il presidente della Conferenza delle Regioni Vasco Errani al termine di un incontro con una rappresentanza del governo. A questo punto, ha detto Errani, “il conflitto può essere recuperato soltanto con un incontro urgentissimo con il premier nel quale si spera egli possa dare la sua disponibilità a cambiare la manovra”.

“Così il federalismo fiscale non esiste piu”, ha aggiunto Errani, puntando il dito contro la manovra “che pesa in modo sproporzionato” sulle Regioni per un totale complessivo pari al 49% “dopo che la manovra precedente aveva già insisistito per l’80%”. Per il presidente della Conferenza delle Regioni “è chiaro che non c’è possibilità di pensare di gestire così i servizi fondamentali”. Quindi sottolinea: “Vogliamo la leale collaborazione ma non possiamo guardare passivamente la situazione. I cittadini devono sapere quali conseguenze effettive essa possa avere sulle politiche industriali, sulle risorse”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Berlusconi: “Per Tremonti norma pro Fininvest giusta”. Bossi: “Non ne sapeva nulla”

prev
Articolo Successivo

Berlusconi: “Tremonti il solo che non fa gioco di squadra. Nel 2013 al mio posto Alfano”

next