Sono davvero tante le signore dell’edizione 2011 del Biografilm festival, in pieno svolgimento in questi giorni. Donne forti, donne di oggi che raccontano la realtà o ne sono testimoni, tuttavia una domanda nasce spontanea. Che cosa c’entrano queste donne con l’immagine femminile e con l’atmosfera degli anni ’80, tema del festival di quest’anno?

Come annunciato dagli organizzatori sono molte le donne autrici e registe invitate a Bologna con le loro opere, così come sono numerosi i focus al femminile.

Prima fra tutte la madrina di quest’anno, la ex-modella bengalese Bibi Russell, oggi stilista in Bangladesh dove è tornata qualche anno fa per contribuire all’emancipazione del suo paese fondando la Bibi Productions e sposando la causa umanitaria dei tessitori locali. Il ritratto di questa donna forte e sensibile esce imponente dal documentario Silken Synergy proiettato in questi giorni al cinema Lumiere  e diretto da un’altra delle donne del festival, la regista e fashion editor di origini indiane Soniya Kirpalani, che oggi vive e lavora a Dubai.

Tra i nomi delle documentariste presenti al festival spiccano poi quelli di Rachel Grady e Heidi Ewing, già candidate all’Oscar nel 2007 con Jesus Camp sulla comunità evangelica americana, e presenti al Biografilm con due documentari, Freakonomics e 12th & Delaware.

Tra le registe italiane è attesa per venerdì Enza Negroni che presenterà Lo chiamavamo Vicky su Pier Vittorio Tondelli, mentre Maria Silvia Bazzoli autrice con Christian Lelong del film, è stata presente al festival con Moustapha Alassane, cinéaste du possible.

E poi numerose, forse troppo, le “figlie di” o “nipoti di” al festival per raccontare le vite dei loro illustri genitori o progenitori: Diane Disney Miller, figlia del grande Walt, che sarà premiata con il Lancia Celebration of Lives per il Walt Disney Family Museum; Cass Warner, regista di The Brothers Warner e nipote di Harry Warner; Maria Sole Tognazzi presente con il film dedicato al padre.

Anche l’immagine scelta per descrivere e annunciare il festival di quest’anno viene da una mano femminile e dal mondo della moda. Si è scelto infatti di rappresentare il tema dell’edizione 2011, ossia gli anni ’80 attraverso le fotografie di Maripol, la fashion stylist che ha inventato stili e trasformato l’immagine di grandi artisti della New York anni’ 80 come Madonna, Grace Jones, Keith Haring e Basquiat. Il manifesto di Biografilm 2011 è infatti un aggressivo scatto che Maripol fece in quegli anni a Madonna, che deve a lei il suo look romantico-borchiato di quel periodo ma ormai abbandonato da tempo.

Donne protagoniste, quindi. Tuttavia qualcosa che stride sembra esserci. A partire da quel forte divario tra l’immagine di Madonna che campeggia sui manifesti e il viso di Ingrid Betancourt o di Vandana Shiva. Allo stesso modo è difficile mettere in relazione la storia personale di Bibi Russell, ex modella oggi impegnata per il suo paese, e quella di Maripol che sembra rimanere ancorata ad anni che sono finiti ormai e che soprattutto le giovani generazioni sono difficilmente in grado di capire a fondo. E non è detto che il ritorno della moda anni ’80 nei negozi di abbigliamento sia sufficiente a leggere un’epoca o ne giustifichi l’esaltazione.

E che dire poi della retrospettiva dedicata in questi giorni a John Hughes definito dagli organizzatori del festival “il cantore dell’adolescenza, maschile e femminile” di quell’epoca? Era necessario riesumare pellicole come Bella in rosa, La donna esplosiva o Una pazza giornata di vacanza che ormai anche le tv commerciali hanno tolto dalla programmazione dei pomeriggi d’estate? Siamo certi che, come dicono sempre gli organizzatori, Hughes abbia “insegnato a una generazione a crescere prendendola per mano, anche se ereditava un mondo che stava cambiando e che nessuno era in grado di spiegare”? Una cosa è certa, se gli anni ’70 e la loro ricchezza culturale e artistica, pur essendo più lontani nel tempo, sono ad oggi più vicini alle nuove generazioni, un motivo ci sarà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Domani la camera ardente all’ospedale Malpighi

prev
Articolo Successivo

Arrestato il bolognese Casale
E’ l’ex re delle Sale Bingo

next