Ammonterebbe a circa un miliardo di euro la somma utilizzata per ristrutturare e in parte acquistare le due ville intestate alle figlie dell’ex patron della Parlmalat Calisto Tanzi su cui stanno indagando la Procura di Parma e la Guardia di Finanza di Bologna. Secondo gli inquirenti i fondi per comprare e sistemare le due case avrebbero una provenienza legata al crack dell’azienda.

In base a quanto apprende l’Adnkronos da fonti della Procura ducale tale provenienza sarebbe “accertata documentalmente”.

Le Fiamme Gialle di Bologna hanno, infatti, avanzato un’istanza di sequestro per le due proprietà. Si tratterebbe però di un sequestro conservativo che potrebbe essere accolto dalla Procura solo in caso di rinvio a giudizio, cioè dopo l’udienza preliminare che non è ancora stata calendarizzata. Le due figlie di Tanzi non risultano iscritte nel registro degli indagati.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Giallo sugli appunti trovati a Signori. “Ma non pagai io 40.000 euro per Inter-Lecce”

next
Articolo Successivo

L’Emilia Romagna travolta anche dallo scandalo doping

next