In alcuni hotel di lusso di Rimini, diversi portieri insieme a un facchino da mesi si dedicavano a un’attività extra decisamente al di fuori da quelle previste: procacciavano clienti per prostitute, contrattando il prezzo di ogni incontro (da 150 a 300 euro). In cambio pretendevano poi dalle ragazze un terzo dei soldi guadagnati e rapporti sessuali gratuiti. Il tutto a insaputa degli alberghi per cui lavoravano.

Il giudice per le indagini preliminari ha emesso questa mattina sei ordinanze di custodia cautelare nei confronti di cinque portieri e di un facchino, dipendenti di noti hotel a 5 stelle di Rimini. I sei, tutti agli arresti domiciliari tranne uno per i quali è scattato l’obbligo di dimora, sono indagati a vario titolo per favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione.

L’operazione dei carabinieri, denominata “Movida”, nasce da informazioni acquisite durante un’altra indagine relativa questa volta a furti avvenuti all’interno del Grand Hotel di Rimini. Le ricerche hanno fatto emergere una rete di portieri notturni di prestigiose strutture alberghiere della città rivierasca, i quali sistematicamente collaboravano tra loro per procurare e organizzare incontri tra clienti e prostitute, concordando anche il prezzo delle prestazioni. E non solo. Come contropartita i sei pretendevano dalle ragazze, tutte giovani donne provenienti dall’est Europa, una percentuale del 30% del denaro ricevuto e, in alternativa o in aggiunta, rapporti sessuali gratuiti.

“Le quattro strutture alberghiere interessate, tutte a 5 stelle, si trovano a Rimini – fanno sapere i carabinieri – e sono inconsapevoli vittime di dipendenti infedeli”. Dalle indagini è emerso anche che gli stessi approfittavano della loro attività lavorativa per rubare all’interno degli alberghi, portando via posate, argenterie, suppellettili e oggetti di corredo per importi pari a diverse migliaia di euro. Per questo è stata arrestata una persona, che era stata trovata in possesso di materiale furtivo e di un fucile artigianale calibro 16, privo di matricola e completo di munizioni. Parte del bottino è stata recuperata e restituita ai proprietari.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Travaglio: “Ai tempi di tangentopoli almeno si vergognavano”

prev
Articolo Successivo

Acqua pubblica? Bersani dice sì. Ma mezzo Comitato per il no è del Pd

next