Nelle 24 ore che precedono il voto la propaganda elettorale e l’affissione di manifesti sono vietate. La legge è chiara, ma a Milano qualcuno ha deciso di violarla. E’ un lettore del Fatto Quotidiano a sorprendere un gruppo di persone mentre strappa alcuni manifesti per sostituirli con quelli del centrodestra. Sono le due e mezza del mattino di sabato e, tra gli altri, sono riconoscibili i manifesti della Lega Nord, quelli che mettono in guardia dalle zingaropoli e dalle moschee di Giuliano Pisapia. Peccato che a fare il lavoro sporco siano proprio tre extracomunitari.

Il concerto pro Pisapia in piazza del Duomo è finito da poche ore. “Dobbiamo fermarci entro la mezzanotte”, ha spiegato Claudio Bisio, conduttore della serata, a cinquantamila persone, “perché di lì in poi scatta il silenzio elettorale”. E mentre decine di migliaia di milanesi rincasavano, qualcuno violava le regole della competizione elettorale.

All’angolo tra via Ariberto e via San Vincenzo c’è una scuola elementare che ospita due sezioni elettorali. L’incrocio è pieno di manifesti, e alle due e mezza di notte tre stranieri si danno da fare per sostituire quelli affissi. Nel breve video consegnato a ilfattoquotidiano.it, il nostro lettore riconosce i manifesti della lista ‘Unione Italiana UI Librandi’, che al primo turno ha raccolto appena lo 0,28% per un totale di 1.649 preferenze. La lista fa parte della coalizione di Letizia Moratti. I tre vengono invitati a desistere, e nel bagagliaio dell’auto, con il necessario per l’affissione, sono riconoscibili anche i manifesti con i quali la Lega Nord mette in guardia gli elettori: “Con Pisapia più campi nomadi e la più grande moschea d’Europa”. Peccato che ad attaccarli, violando la legge, siano stati mandati proprio tre cittadini extracomunitari, costretti alla fuga quando il nostro lettore minaccia di chiamare la polizia.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sei mesi senza un ministro delle Politiche europee. E in Ue l’Italia perde posizioni

prev
Articolo Successivo

Milano, su Facebook base leghista contraria a Castelli vicesindaco: “Vogliamo Salvini”

next