Per la sua prima uscita pubblica da sindaco di Bologna Virginio Merola ha scelto di visitare il presidio di docenti e genitori che da giorni sta attuando uno sciopero della fame a staffetta di fronte all’Ufficio Scolastico Regionale in difesa della scuola pubblica.

“La scuola dovrebbe essere considerata una risorsa e un’opportunità, purtroppo in questo Paese accade il contrario”, ha detto Merola, aggiungendo di “non aspettarsi nulla da questo Governo”. L’obiettivo della sua Giunta, ha proseguito, “sarà quello di ridare centralità alla scuola comunale a quella pubblica”. Il neo sindaco si è fermato circa una ventina di minuti a dialogare al banchetto allestito dall’Assemblea dei genitori e degli insegnanti, quindi ha firmato il ‘libro degli ospitì, aprendo anche alla possibilità di partecipare domani pomeriggio all’incontro tra gli attivisti e il dirigente dell’ufficio scolastico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli agenti: “Noi serviamo lo Stato, ma il Governo ci ha umiliati”

next
Articolo Successivo

Tra gli indagati l’ex dg del Comune. Perquisito anche l’ufficio di Galletti

next