Continua l’ironia in rete sulla campagna elettorale di Letizia Moratti. Dopo il fenomeno Twitter “moratti quotes” (Leggi il blog di Dino Amenduni) e le prese in giro a Red Ronnie (Leggi l’articolo) l’ultimo spunto per ridere, che sta coinvolgendo in queste ore migliaia di persone sui social network, è il tormentone “Sucate”.

Tutto nasce su Twitter: ieri un utente anonimo registrato come “Lucah Orghl” ha scritto al sindaco sul social network: “Il quartiere Sucate dice no alla moschea abusiva in via Giandomenico Puppa! Sindaco rispondi!!”. A Milano non esiste alcun quartiere “Sucate” ma lo staff della Moratti ha risposto subito: “Nessuna tolleranza per le moschee abusive. I luoghi di culto si potranno realizzare secondo le regole previste dal nuovo Pgt”. Prendendo spunto da questo scivolone dello staff di Donna Letizia, è partita su Internet una gara di battute (tag #sucate su Twitter) e, soprattutto, di fotomontaggi sull’inesistente quartiere di Milano. Ne abbiamo fatto una selezione dalla pagina Facebook “Sucate”, che ha già raccolto oltre 10mila fan.

(Mandateci i vostri fotomontaggi: continueremo ad aggiornare la galleria con i vostri contributi!)

di Federico Mello e Giampiero Calapà

Mandate le vostre immagini di Sucate usando questo form:
[contact-form 18 “Invia foto – Iniziativa Sucate”]

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il leghista Salvini inciampa su Facebook
“esci il teppista che c’è in te”

prev
Articolo Successivo

Milano, Musulmani per Pisapia in Duomo?
“No, era volantinaggio e l’abbiamo annullato”

next