I militari del nucleo valutario della guardia di finanza di Milano hanno effettuato una serie di perquisizioni nelle sedi di  società e banche nell’ambito dell’inchiesta per aggiotaggio e insider trading del pm Eugenio Fusco sulla scalata di Lactalis a Parmalat. L’indagine fino a questa mattina, quando sono scattate le perquisizioni, era a carico di ignoti, ma adesso, secondo quanto si è appreso dalla Procura, ci sarebbero quattro persone iscritte al registro degli indagati.

Sono invece sei tra banche e società  di consulenza le sedi perquisite. Da quanto si apprende i militari stato perquisendo gli uffici milanesi di Intesa Sanpaolo, di Socgen, di Lazard e del Credit Agricole e poi quelle di due società di comunicazione, Brunswick e Image Building. E’ in corso inoltre una perquisizione domiciliare.

Il pm Eugenio Fusco aveva aperto un fascicolo a carico di ignoti per la vicenda che ha portato il gruppo francese Lactalis a detenere un pacchetto complessivo pari al 29% in Parmalat. L’accusa avanzata è quella di aggiotaggio. La società transalpina ha raggiunto questa quota dopo l’acquisto del 15,3 dai fondi esteri Skagen, MacKenzie e Zenit.

L’amministratore delegato del gruppo alimentare di Collecchio Enrico Bondi è stato già sentito nelle scorse settimane dagli inquirenti come persona informata dei fatti. In ogni caso, l’inchiesta nasce da un esposto presentato a febbraio, prima del passaggio del pacchetto azionario al gruppo francese di Lactalis. Al centro dell’indagine una serie di comunicati diretti al mercato azionario al seguito dei quali il titolo di Parmalat si era apprezzato. Quindi l’attenzione della procura non è centrata direttamente sull’operazione Lactalis ma riguarda la situazione del titolo nel periodo antecedente l’operazione dei francesi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bersani: “Indecorosa l’ironia di Tremonti su Merola”

prev
Articolo Successivo

Decreto salva-spiagge
i dubbi di Napolitano

next