Malnate, cittadina alle porte di Varese, inaugura una nuova sede, che sarà coordinata da Hajer Fezzani, nata in Tunisia. Il ministro Roberto Maroni interviene all’evento: “Non c’è da stupirsi, il nostro partito non è mai stato razzista come lo descrivono certi giornalisti”. Tiepidi molti militanti e anche alcuni dirigenti locali: nessuno contesta la scelta, ma molti preferiscono non commentarla. E c’è chi, per accoglierla, dice: “Siamo contenti di lei. E’ integrata perché va ai corsi di dialetto e mangia prosciutto”. Hajer Fezzani, intanto, non si tira indietro: “Qui non ho avuto problemi. Tra Italia e Padania scelgo la seconda. E il 17 marzo lavorerò” di Simone Ceriotti

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

CDay, la piazza di Milano

next
Articolo Successivo

La polizia protesta ad Arcore. B.: “Tagli colpa di Tremonti”

next