“Meglio Verdini. Sta già lavorando, è quello più in palla”. Per dare una ventata d’aria fresca al Popolo della Libertà, all’ex ministro Claudio Scajola il senatore Marcello Dell’Utri preferisce Denis Verdini, coordinatore del partito. “Scajola ha già dato. Allora potrei propormi anch’io”, continua. E se Scajola sembra essersi fatto pagare un appartamento con vista sul Colosseo, Verdini è attualmente indagato per i rapporti con la nuova P3 e coinvolto nello scandalo degli appalti per il terremoto a L’Aquila. “Che vuol dire indagato? – ribatte Dell’Utri – Essere indagato non è una questione dirimente. Tanto qualunque nome proponessimo – assicura – il giorno dopo l’avrebbero indagato”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gli aiuti di Tunisi alla Libia

next
Articolo Successivo

Libia, gli insorti: “Gheddafi schiera truppe e carri armati pesanti”

next