Stavo scrivendo alcune righe sulla morte dei bambini rom a Roma, quando mi è arrivata notizia di ciò che ha detto Tiziana Maiolo, portavoce di Futuro e Libertà, durante un’intervista a Radio24.

E’ più facile educare un cagnolino che un bambino rom.

Tutte le etnie sono integrabili tranne i rom.

I rom non vogliono assolutamente lavorare.

A noi ci odiano e pensano soltanto a sfruttarci.

Non hanno il senso dell’igiene.

Fanno i bambini perché li mandano a rubare.

In molti casi avviano i bambini alla prostituzione minorile.

Ho lasciato la penna sul tavolo e sono uscito di casa. Sono andato al campo nomadi della mia città. Ho bussato alla roulotte di un mio caro amico, insieme abbiamo preso un caffè poi abbiamo raggiunto i bambini e i ragazzi del campo che stanno preparando lo spettacolo che terranno sabato a Palazzo Ducale di Genova. E’ un lavoro dedicato al genocidio dei rom durante il nazismo. Il titolo è “L’olocausto dimenticato.”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’Africa in marcia verso la democrazia

prev
Articolo Successivo

Italia condannata per l’ennesima volta
dalla Corte Europea dei diritti dell’Uomo

next