Una volo in paracadute finito in tragedia. E’ morto così Pietro Taricone, 35 anni, originario di Trasacco in Abruzzo, il volto migliore del reality show Grande Fratello. Taricone è morto attorno alle due di questa mattina nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Terni, dove era stato portato dopo lo schianto. A nulla sono servite le nove ore di intervento. L’attore è deceduto a causa di improvvise complicazioni.  Il direttore sanitario dell’ospedale, Leonardo Bartolucci, ha confermato che Taricone non ha mai ripreso conoscenza. Ora la salma sarà trasportata all’istituto di medicina legale per un’eventuale autopsia che ancora non era stata disposta dalla magistratura.

Ieri pomeriggio, Taricone stava partecipando a un corso per la sicurezza. Alla base dell’incidente ci sarebbe un ritardo nella manovra di frenata. “L’esercizio consisteva nel fare l’ultima virata a cento metri da terra e atterrare eseguendo il flare, la frenata finale che porta ad atterrare in piedi – ha spiegato Riccardo Paganelli, un amico paracadutista di Taricone -: non abbiamo capito perché anziché girare a cento metri ha virato a circa 20-30 metri da terra, sbattendo». Una manovra sbagliata da parte dell’attore è anche l’ipotesi sostenuta dalla polizia. Subito dopo la caduta, Taricone ha riportato gravi ferite: frattura del bacino, trauma cranico e facciale. Rianimato sul posto dal 118 è stato immediatamente trasportato all’ospedale di Terni. L’incidente, poi, è avvenuto davanti agli occhi della sua campagna, l’attrice Kasia Smuntiak, che si era lanciato subito dopo di lui. Assieme alla copia c’era anche la loro figlia, la piccola Sophie.

Taricone era diventato famoso come protagonista della prima edizione del Grande fratello. Probabilmente era il personaggio meglio riuscito. Sempre sopra le righe tanto da fare discutere mezza Italia quando, al termine del programma, decise di non seguire i propri compagni nelle mille ospitate televisive. Da qui partì una brillante carriera da attore tanto da essere ingaggiato da Gabriele Muccino per il suo Ricordati di me.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’obolo di San pietro, un business in calo
per il Vaticano. E’ l’effetto pedofilia

next
Articolo Successivo

Taricone oltre la porno-tv

next