Vittorio Feltri scrive il necrologio politico al capo. Poche striminzite righe, siglate v.f., nella prima pagina de Il Giornale, con le quali il fido direttore di via Negri scarica il premier Silvio Berlusconi. Pretesto è l’accusa mossa ieri dal presidente del Consiglio ai giornalisti: colpevoli, a suo dire, di prendere in giro i lettori. E Feltri coglie la palla al balzo per scagliarsi contro il premier, la cui famiglia è proprietaria del Giornale: i politici, scrive, “nel nostro paese sono i soli più bravi dei giornalisti a prendere in giro i cittadini, lettori ed elettori”.

Scrive Feltri: “Caro presidente Berlusconi, leggo sulle agenzie che lei è favorevole a uno sciopero degli italiani contro i giornali perché disinformano e prendono in giro i lettori. Sarebbe una buona idea se non presentasse un rischio: che gli italiani poi la applichino anche contro i politici. I quali nel nostro Paese sono i solo più bravi dei giornalisti a prendere in giro i cittadini, lettori ed elettori”.  Dunque, anche nel centrodestra, forse si sta muovendo qualcosa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Anche Sky in trincea contro il bavaglio

prev
Articolo Successivo

Per il Tg1 la sentenza non merita l’apertura
e la parola “condanna” sparisce dai titoli

next