Diciannovesimo giorno di protesta: il sole di mezzogiorno asciuga umidità e fatica accumulata in un’altra settimana trascorsa sul tetto del nostro Istituto di ricerca.

Oggi è una giornata particolare: siamo protagonisti, infatti, di una storica trasmissione della RAI che, prendendo spunto dalla nostra vicenda, vuole trattare il tema della ricerca ambientale in Italia.

Questo, oltre ad essere un fatto di notevole importanza per noi (ospiti della diretta sono l’On. Ermete Realacci ed, in collegamento da Milano, il vice-Presidente della Camera, On. Maurizio Lupi), rappresenta anche un piacevole diversivo, per allontanare per qualche ora la pressione di una protesta civile che ormai si è protratta fino alle soglie del Natale.

Giorni in cui, di solito, si utilizza il fine settimana per iniziare lo sprint finale verso l’acquisto dei regali e che noi invece prevalentemente dedicheremo, oltre che alla trasmissione, alla preparazione per gli incontri, sia sindacali che istituzionali, in programma la prossima settimana.

Ma prima è necessario far fronte alla vera priorità di questi giorni, ovvero il miglioramento dell’isolamento termico del nostro tendone. Il clima è infatti diventato decisamente più rigido: ma non è il freddo la cosa che più temiamo, bensì l’indifferenza che fin’ora ci ha riservato il Ministro dell’Ambiente.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Il risiko delle cooperative e l’ombra di Dell’Utri

prev
Articolo Successivo

Via D’Amelio, profondo nero: il superpentito ora ritratta

next