Cori e selfie tra gli autonomi del Sappe, critiche da Cgil e Cisl. Matteo Salvini partecipa alla protesta della polizia penitenziaria ma divide i sindacati. Sul palco montato a Piazza di Montecitorio, a Roma, il leader della Lega Nord promette, firmando pure un “contratto-volantino“: “Il giorno dopo aver vinto le elezioni, tutte le vostre richieste verranno esaudite”. Parole accolte con i cori dagli autonomi. “La Lega al governo con Berlusconi tagliava le risorse della polizia? Io posso impegnarmi per il futuro, sugli errori del passato ho poco da dire”, ha tagliato corto Salvini ai microfoni de Ilfatto.it. Già da Pontida Salvini aveva promesso “mani libere alla polizia” con la Lega al governo: “Ma questa non è la soluzione“, spiegano dalla Cisl. E ancora: “Il problema non è dare mani libere, ma mettere in condizione gli agenti di lavorare e rilanciare il trattamento dei detenuti”, ha spiegato il segretario della Fp-Cgil Salvatore Chiaramonte.