Incendi Vesuvio? Questa questione della “telefonata fantasma” all’ambasciatore francese parte dal presupposto che io con quella telefonata ho fatto partire gli aerei. La ragione delle mie telefonate alle ambasciate e della conferenza stampa del M5S hanno un merito: aver smosso il governo italiano, che alle 18.15, quasi un’ora dopo la nostra conferenza stampa, attiva il meccanismo europeo di Protezione Civile“. Così il deputato M5S, Luigi Di Maio, intervistato da Enrico Mentana a Bersaglio Mobile (La7), spiega la vicenda dei suoi contatti telefonici con le ambasciate europee a causa dei roghi al Vesuvio. E aggiunge: “Mi dispiace solo di una cosa: qualche giorno fa Renzi, quello dei 1000 giorni, va a Napoli mentre ci sono gli incendi del Vesuvio e dice che io ho strumentalizzato la vicenda dei Canadair francesi. Renzi dovrebbe chiedere scusa agli italiani e non prendersela con me, perché abbiamo 32 mezzi del Corpo Forestale dello Stato che dovrebbero andare ai Vigili del Fuoco e ai Carabinieri. E invece stanno ancora a terra: potevano essere mezzi di supporto aereo per l’emergenza incendi”. Stoccata anche al sindaco di Napoli: “De Magistris ci ha accusati di non esserci fatti vedere sul territorio in questi anni. Non è vero, ci siamo come c’è lui. Ha tutto il diritto di fare il grillino, ma faccia anche i fatti. Aveva promesso il reddito di cittadinanza comunale e i napoletani lo stanno ancora aspettando. Anche Renzi voleva fare il grillino sui vitalizi o abolendo gli F35. E poi non l’ha fatto. Renzi è uno che oggi scrive libri e lancia slogan per cambiare l’Italia, ma intanto ha avuto 1000 giorni per farlo e ci ha lasciato 120 miliardi di euro di debiti