“Chiediamo un incontro al presidente Sergio Mattarella, perché la situazione relativa all’attacco alla stampa è oramai insostenibili e lui ha sempre mostrato grande sensibilità a questi temi”. L’appello arriva dalla Federazione nazionale della stampa italiana, che nel corso di una conferenza stampa ha parlato delle “insopportabili minacce ai giornalisti”. Per il presidente della Fnsi Beppe Giulietti “si vuole stritolare il diritto di cronaca in questo Paese. Non mi piacevano gli editti di Berlusconi – ha spiegato – non mi piacevano le battute di Renzi, non mi piacciono le liste di proscrizione di Grillo. Tu puoi criticare un giornalista ma non delegittimarlo o fare un blog contro. La politica deve comprendere che le proprie contraddizioni interne non si possono scaricare sui giornalisti. Ci sono i tribunali e le denunce per diffamazione. Ancora i cronisti – ha denunciato Giulietti – possono essere colpiti da richieste milionarie, è uno scandalo che non ci sia una legge che lo vieti. Chiediamo al Presidente Mattarella che ci sia un messaggio alle Camere per la libertà di informazione come solo una volta nella storia fece il Presidente Ciampi”. Giulietti si rivolge poi anche al ministro della Giustizia, Andrea Orlando. “Siccome non è una richiesta contro qualcuno – ha concluso – la stessa richiesta è fatta a Orlando per aprire il tavolo promesso sulle querele temerarie”.