“Non è mai fregato a nessuno dove sono seduti i parlamentari europei, cosa fanno e con chi votano”, così il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio a Otto e mezzo su La7, risponde alla Gruber sul voto fallimentare del Movimento 5 Stelle per l’ingresso nel gruppo del parlamento europeo dell’Alde prima sottoscritto e poi rinnegato dal presidente del gruppo Guy Verhofstadt. Il direttore ha sottolineato le mille incongruenze in seno ai vari gruppi europei: “Ma quando ci cascano i Cinque stelle da una pulce se ne fa un elefante”.