L’ordinanza del sindaco vietava i botti di Capodanno dal 29 dicembre alla mezzanotte del 1 gennaio. Ma il Tar del Lazio ha accolto il ricorso dell’Associazione Pirotecnica Italiana e ha deciso di sospendere il provvedimento di Virginia Raggi. Fissata per il 25 gennaio una camera di consiglio per il 25 gennaio per discutere nel merito la questione.

L’ordinanza –  la 145 del 22 dicembre -prevedeva il “divieto assoluto” di “usare materiale esplodente, utilizzare fuochi artificiali, petardi, botti, razzi e simili artifici pirotecnici” e di “usare materiale esplodente anche ‘declassificato’ a meno di 200 metri dai centri abitati, dalle persone e dagli animali“. “L’inosservanza degli obblighi e dei divieti”, continuava l’ordinanza, “comporterà l’applicazione della sanzione amministrativa pecuniaria a partire da 25 euro fino a 500 euro oltre al sequestro amministrativo”.

Secondo il testo, inoltre, “sussiste l’urgente necessità di adottare misure idonee a garantire l’incolumità pubblica, la sicurezza urbana, la protezione degli animali e assicurare le necessarie attività di prevenzione attraverso la limitazione dell’uso dei botti e dei fuochi di artificio sul territorio comunale”.

“Ci auguriamo – ha detto il presidente del sindacato Nazionale operatori pirotecnici Pierdaniele Friscira – che la sospensione dell’ordinanza sia un monito per i sindaci italiani che hanno emesso ordinanze copia e incolla, vietando qualsiasi prodotto, anche quelli con la certificazione Ue e che quindi avevano superato il test di impatto ambientale e quindi la normale soglia di tollerabilità umana e animale”. Per Friscira “per ignoranza o buona fede hanno messo tutto dentro un calderone. Sappiamo che ci sono persone che abusano di prodotti che non hanno nulla a che fare con la pirotecnica legale ma fare ordinanze sbagliate aumenta il mercato clandestino e questo disorienta anche il cittadino”.

“L’ennesima figuraccia collezionata dalla Raggi sulla vicenda dei fuochi di Capodanno rischia di portare seri danni alla già magre casse capitolina. Oltre al merito del divieto che è apparso subito grottesco e inopportuno il Tar – scrivono in una nota congiunta gli esponenti di Fdi-An, Fabrizio Ghera capogruppo in Campidoglio e Federico Guidi e Lavinia Mennuni componenti dell’esecutivo romano – ha eccepito anche l’incredibile pasticcio formale e procedurale che ha accompagnato questa altrettanto incredibile ordinanza di divieto e che rischia di essere pagata assai cara dai romani con il probabile accoglimento di una milionaria richiesta di danni da parte dei produttori di fuochi e petardi. Basti pensare che l’ordinanza firmata dalla sindaca pur trattando di ‘incolumità pubblica e la sicurezza urbana’, non è mai stata inviata al prefetto di Roma. Così la massima carica in materia di gestione dell’ordine pubblico non ha potuto esprimere nessun parere su un atto particolarmente restrittivo. Un rilievo formale che sottolinea ancora una volta il pressapochismo e la superficialità dell’amministrazione Raggi e che rischia di facilitare il risarcimento danni dei produttori di fuochi legali che parlano di mancati incassi di vari milioni di euro. Se mai venisse accolta tale richiesta di risarcimento danni sarebbero dunque tutti i romani a pagare per le inopportune decisioni della Raggi. In tal caso non potremmo non denunciare alla magistratura contabile il comportamento grottesco di una sindaca che non fa nulla ma che quando fa sbaglia pesantemente”.