“I Cinque stelle stanno facendo le prove generali di governo, più riuscite a Torino, meno a Roma”. Così il direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio durante La notte del referendum (La7), risponde a Enrico Mentana sulle possibilità che il movimento di Grillo possa governare, dopo la vittoria del No al referendum: “I 5 stelle dovranno porsi dei problemi sul come trovare un programma di governo credibile e di una classe dirigente che non hanno. Credo che siano quelli a cui convenga meno andare al voto subito e si illudono che l’Italicum sarà lo stesso che li favorisce”. Il direttore ricorda come è iniziata la campagna per il No con un appello su Il Fatto Quotidiano, a cui aderirono Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio: “Così è iniziata la loro campagna, lavorando sul territorio, avendo la possibilità di incontrare un sacco di gente che potrà essere molto utile alle prossime elezioni, ma questa fortuna – conclude il direttore – potrebbe essere un boomerang se non saranno in grado di preparare un programma serio e una classe dirigente seria, che è il loro vero drammatico problema, soprattutto se saranno costretti a farlo in brevissimo tempo”