“Con il No fermate il Paese e difendete la casta“. “Non è vero, vogliamo cambiare, ma non con una riforma mal fatta come questa”. Nello studio di ‘In 1/2h‘, condotto da Lucia Annunziata su Raitre, il presidente del consiglio Matteo Renzi e il segretario della Fiom-Cgil Maurizio Landini hanno messo in scena la loro distanza sul referendum costituzionale del 4 dicembre.

“Ho il sospetto che la riforma non l’abbia letta – dice Renzi al sindacalista -. Glielo dico con rispetto. Bisogna cambiare le cose, non difendere i privilegi della politica”. “La Cgil ha discusso e fatto proposte sulla riforma – è stata la risposta di Landini -. Noi tra l’altro abbiamo partecipato alle audizioni e mandato le nostre proposte”. Infatti, ha precisato il leader della Fiom, “non siamo contrari a cambiare la Costituzione, ma siamo contrari a questi cambiamenti perché li consideriamo sbagliati. E non accetto quest’idea per cui chi è per il Sì è per il cambiamento, e chi è per il No non vuole cambiare”, uno dei punti forti della propaganda renziana.

Lo scontro è andato avanti per un’ora – nonostante l’arco di tempo dichiarato dal nome della trasmissione – in modo energico. Più appassionato il sindacalista, più pacato il segretario Pd. “Capisco la solidarietà tra colleghi sindacalisti, ma difendere il Cnel è impensabile per chiunque”, ha attaccato Renzi. “Sul Cnel non ho problemi ma la Costituzione non può essere cambiata all’ingrosso”, la risposta del segretario Fiom-Cgil.

Poi si arriva alla discussa espressione ‘accozzaglia‘, associata dal premier al fronte del No. Landini ha accusato il premier di “dividere un Paese che per le difficoltà che attraversa ha, al contrario, bisogno di maggiore unità. Continuare a dividere fa male”. Il premier ha risposto: “Io non ho definito ‘accozzaglia’ chi non vota per me, però mi chiedo come sia possibile costruire qualcosa tra forze tanto diverse, che non la pensano allo stesso modo”.  Poi ha aggiunto rivolto all’interlocutore: “Se ho offeso qualcuno mi scuso: ma io intendevo fare un complimento. Perché potrei dire che la sua vicinanza a quelli di Fratelli d’Italia, di Casa Pound, soltanto su questa vicenda, mette insieme storie totalmente diverse che non hanno nient’altro in comune e quindi la definisco, secondo il vocabolario italiano, ‘accozzaglia’. Se però preferisce che la definisca coalizione coesa, tesa a dare un governo al Paese, posso chiamarla ‘coesione’, ma preferisco chiamarla ‘accozzaglia'”.

Allo sforzo per l’unità del Paese chiesto dal leader della Fiom, Renzi ha risposto secco: “Bisogna ascoltarsi, volersi bene e fare le cose insieme… lei vive in un Paese delle meraviglie, io invece voglio cambiare le cose in Italia”. I temi legati al lavoro vengono toccati appena: Renzi si è detto convinto che la vittoria del Sì migliorerebbe il Paese perché le politiche attive del lavoro diventerebbero nazionali. Per Landini la riforma peggiora il Paese su più fronti e, soprattutto, “aver scelto che questo referendum diventi un voto sul governo non aiuterà”.