Non va a scuola da 3 giorni, la ragazza di Pozzuoli protagonista di un video hard diffuso a sua insaputa e diventato subito virale. La polizia ha aperto un’indagine sul caso, che coinvolge anche il ragazzo ripreso insieme alla giovane, con l’obiettivo, innanzitutto, di individuare il responsabile della pubblicazione del filmato. Fonti vicine all’inchiesta smentiscono tuttavia che la famiglia della giovane (che frequenta una scuola superiore) abbia sporto denuncia.

A rendere nota la vicenda è stata la giornalista Selvaggia Lucarelli, che sul suo profilo facebook ha annunciato, il 24 settembre scorso, di aver consegnato alla Polizia postale di Milano il video incriminato, che lei stessa aveva ricevuto tramite whatsapp.

Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, e l’assessore competente stanno attivando i servizi sociali. Il primo cittadino ha definito l’episodio “raccapricciante“, spiegando che “cyberbullismo e mancanza di rispetto totale hanno preso il sopravvento”.