La sindaca Virginia Raggi si sfoga contro la stampa sulla sua pagina privata Facebook e scrive in due post: “Buongiorno a quei poveri giornalisti che aspettano ore e ore sotto casa mia”. Poi aggiunge: “Cosa vi hanno ordinato di “catturare” oggi? Un dito nel naso, i capelli fuori posto, mio figlio che magari fa i capricci per dire che sono una madre snaturata? Mi fate un po’ pena a dir la verità: tutta la vostra vita passata ad aspettare che qualcuno “inciampi”…Forse siamo già al giornalismo 3.0? Ad ogni modo, se faccio presto, oggi butterò l’immondizia: state pronti! Sia mai sbagli bidone, potete vincere il Pulitzer!”. Un’ora dopo la prima cittadina della Capitale pubblica un video di lei che esce da casa e scrive: “Per ridere (siamo all’assurdo). Un fotografo: “[dopo il post su facebook] c’è gente che ci odia! È contenta sindaco? È contenta?””. E ancora: “Beh… Se pubblicare una foto di voi sotto casa, può portare a tanto, forse non è solo “merito” mio. E immaginate cosa potrebbe accadere se pubblicassi il video del buongiorno quotidiano! La trasparenza è anche questa: che le persone sappiano come fate vivere non tanto me, ma mio figlio (che non ha alcuna responsabilità in questa follia che state creando). P.s. Ho un altro video – conclude la Raggi – di giornalisti che scattano foto mentre porto Matteo al centro estivo e mentre esco dal centro estivo… Facciamo che è come se l’avessi pubblicato?”