Un tesoro che prima era finito all’asta, poi era stato acquistato da una società inglese con proprietà italiana dopo una battaglia e che infine pare sia stato anche parzialmente rubato. Si tratta di 230mila campioni di Dna di centenari sardi appartenenti a 14mila ogliastrini di Perdasdefogu, Talana e Urzulei, utili per lo studio di una popolazione tra le più longeve del mondo. Sono sparite – stando a quanto riporta La Stampa – alcune provette. Non si sa né quante siano né a quando risalga il furto, ma i campioni sono stati portati via dai frigoriferi del Parco Genos a Perdasdefogu che custodisce ancora gran parte di quei 230mila campioni.  Ora sul fatto è stata avviata una inchiesta della Procura di Lanusei.

Tutto ha avuto inizio in agosto quando l’unica dipendente rimasta al Parco ha scoperto che alcuni cassetti dei banchi frigo erano stati svuotati. Il procuratore della Repubblica Biagio Mazzeo ha aperto un fascicolo e affidato le indagini ai carabinieri di Jerzu. “La denuncia della sottrazione di alcuni campioni del Dna è arrivata il 10 agosto – ha spiegato Mazzeo all’Ansa – ma non sappiamo quando è avvenuto, si parla di un arco temporale che può essere anche di mesi. Così come non è chiaro quante siano le provette sparite. Indaghiamo per individuare il responsabile della sottrazione ma anche per capire se ci siano responsabilità sulle misure di sicurezza. Si tratta di dati estremamente sensibili sottoposti alla legge sulla privacy. Abbiamo accertato che non c’erano telecamere, né un sistema di accesso collegato a misure di sicurezza. Inoltre la sottrazione delle provette è avvenuta senza che ci siano stati segni di effrazione”.

Il Parco genetico era nato nei anni 2000 e ha visto assieme diversi partner fra cui l’Istituto di genetica molecolare del Cnr coordinato da Mario Pirastu, gli enti locali e la Regione. L’obiettivo era quello di studiare il Dna di una popolazione longeva ma anche le malattie ereditarie. La società SharDna ultimamente è passata ad una azienda britannica che l’ha acquistata per 250mila euro e con essa tutta la banca dati. “Gli investigatori stanno acquisendo documenti e testimonianze per cercare di ricostruire i contorni della vicenda – ha sottolineato il procuratore -. Dobbiamo capire cosa è accaduto e se il patrimonio custodito che doveva essere conservato nei frigo è andato perso oppure no”.

Impossibile non ricordare le opposizioni e le controversie avvenute a cessione avvenuta della società. Perché al momento della donazione i volontari avevano infatti sottoscritto un consenso firmato intestato a tre soggetti: il Cnr, la stessa SharDna e il Parco Genetico. Quest’ultimo era stato costituito proprio per dare supporto logistico e pratico al progetto, con l’ambizione delle ricadute economiche nel territorio. Ed è proprio nella sua sede ufficiale, il laboratorio di Perdasdefogu, 2mila abitanti, che sono o meglio erano custoditi fisicamente i campioni.