“Non siamo lavoratori subordinati dell’ultima categoria dei metalmeccanici!”. Un’uscita infelice ha fatto sobbalzare mezzo Parlamento. E’ il 4 agosto e alla Camera si discute l’ordine del giorno dei Cinque Stelle che impegna i colleghi a ridursi le indennità di carica da 10 a 5mila euro. La richiesta non passa e molti deputati accusano i grillini di fare demagogia. Copione prevedibile, finché Arcangelo Sannicandro si lancia in una requisitoria in difesa degli onorevoli stipendi con la frase: “Non siamo lavoratori subordinati dell’ultima categoria dei metalmeccanici! Da uno a dieci noi chi siamo?”. Il problema è chi è l’onorevole Sannicandro: 73 anni, avvocato di professione che nel 2014 dichiarava 400mila euro di reddito, politico da 14, già deputato “comunista” di Sel. Viene dal Pci e da Rifondazione. In Parlamento è entrato nel 2013 grazie alla rinuncia di Nicky Vendola dopo 12 anni da consigliere regionale in Puglia.

Seguono giorni difficili per lui. Come riporta Repubblica, quella presa di distanze di “censo” dalla tute blu da parte di un esponente comunista ha creato un piccolo putiferio in Sinistra Italiana. Anche perché Sel in Parlamento è effettivamente riuscita a portare una tuta blu in carne e ossa (Giovanni Barozzino) e un ex leader sindacale dei metalmeccanici della Fiom, Giorgio Airaudo. Sui social il caso si amplifica. Sulla pagina Facebook del politico spuntano commenti velenosi, tali da costringerlo a una lunga precisazione del proprio pensiero. Il 9 agosto arriva il post che dovrebbe sedare gli animi. “Il parlamento – scrive Sannicandro – è uno dei tre poteri dello Stato e la misura delle indennità ne tiene conto. Ho contestato che l’attività parlamentare venisse classificata al livello di base della contrattazione collettiva, per esempio dei “metalmeccanici o di qualunque altra categoria”. Ma non basta a sedare le critiche. “Velo pietoso che non copre le vergogne”, risponde tal Claudio Paolinelli aggiungendo “l’onorevole si goda gli ultimi mesi di indennità e prebende e poi a casa”. Nel mezzo ci s’infila un secondo motivo di polemica.

Sannicandro, con coerenza, rivendica ancora la legittimità delle indennità degli eletti in virtù dell’alto compito che ricoprono. “Siamo rappresentanti attraverso cui il popolo esercita la sua sovranità – scrive nella sua legittima autodifesa – Se ciò non fosse sufficientemente chiaro, aggiungo che i deputati non sono assicurati né all’Inps e né all’Inail e né ricevono le prestazioni da questi all’occorrenza erogate, nè sono inquadrati in un contratto collettivo nazionale. Premesso che i soldi che riceviamo non sono né retribuzione, né stipendio, né onorario ma correttamente una indennità erogata per 12 mesi ( art.69 della Costituzione) per consentire anche a chi non avesse un reddito sufficiente per poter rappresentare i cittadini in Parlamento”.

A questo punto qualcuno potrebbe anche seguire il ragionamento, andando a vedere come e quanto Sannicandro esercita in Parlamento il suo ruolo di “rappresentante del popolo”. E scoprire che non sta certo alla catena di montaggio. Ha impiegato tre anni per presentare il suo unico disegno di legge destinato all’agricoltura, il settore in cui si è distinto come sindacalista e come avvocato: chiede in sostanza di mantenere l’esenzione dal versamento dei contributi previdenziali delle aziende sopra i 700 metri. Agli atti c’è almeno un’interrogazione sul personale del circolo didattico “Manzoni” di Foggia. Anche Stakanov sembra un ricordo sbiadito: l’indice di produttività indicato da OpenPolis è fermo a un sesto del parlamentare più attivo. Sannicandro, metalmeccanico mancato, risulta anche assente ai lavori una volta su tre.