Se lo propone la Appendino ridono, se lo chiedono loro votano tutti compatti, convinti e plaudenti. Da giorni il Partito Democratico, Renzi compreso, ironizza sul programma di contenimento del wi-fi della neosindaca di Torino Chiara Appendino. Ora si scopre che giusto sei mesi fa proprio il Pd torinese era riuscito a fare molto di più, ingaggiando una vera e propria crociata contro gli hotspot liberi che chiedeva, tra l’altro, di: “Sostituire, per quanto possibile, negli ambienti scolastici e nelle altre strutture pubbliche le reti locali wireless già esistenti con impianti a più bassa emissione di radiazioni che richiedano l’attivazione manuale da parte dell’utente e utilizzo limitato nel tempo e nello spazio”.  Non è uno scherzo. Torino, ultimo laboratorio dei Cinque Stelle. Da qui è partita una gazzarra “social” che ha investito il neosindaco dei Cinque Stelle, rea di aver inserito nel suo programma il proposito di “ridurre il tempo e la quantità delle emissioni wi-fi in modo da garantire la connettività per lo stretto necessario”. A partire dalle scuole.

Repubblica e La Stampa dedicavano una pagina alla questione dandole risalto nazionale. Motivo? Gli articoli segnalavano l’incoerenza tra la presunta fobia del sindaco grillino alle radiazioni da router e hotspot e un Movimento che fin dall’origine, proprio sulla rete, tenta di costruire un modello di “democrazia partecipata”. Il Pd ha preso la palla al balzo per innescare la polemica, trasformando quel punto del programma in una barzellata tipo “scie chimiche”, ironizzando sulla messa in mora del wifii “dannoso per la salute”, cosa in vero mai detta dalla sindaca (e anzi smentita) e del tutto assente dal suo programma. Ma le precisazioni dei giorni successivu non sono bastate, tanto che perfino il premier Matteo Renzi è tornato sulla querelle: “Mentre qualcuno sostiene che il wifi faccia male – ha ironizzato sul caso durante l’ultima assemblea del partito – noi facciamo accordi con Amazon, Apple, Cisco, mentre c’è chi vuole chiuderci in un dibattito autorefenziale interno noi lanciamo il guanto di sfida a Ue”.

Ora si scopre che c’era ben poco da ridere. Perché sei mesi prima il consiglio regionale del Piemonte, proprio su proposta del Pd, ha approvato all’unanimità una mozione sul wi-fi nelle scuole dai propositi ben più severi. A segnalarlo è il sito ecologista “Eco della Città”. Che cosa dice la mozione? Se le ilarità investivano una mai dichiarata paura irrazionale verso le onde elettromagnetiche, ecco che la mozione la accoglie dando certezza scientifica ai timori sanitari. Fa riferimento a studi epidemiologici sugli effetti dei campi elettromagnetici prodotti da  wifi, cordless, cellulari tali – si legge nella premessa dell’atto – “da indurre tra il 3 e il 6% della popolazione una condizione di intolleranza che può comportare sintomi fastidiosi saltuari ma anche un vero e proprio stato di malattia grave con costanti mal di testa e dolori muscolari ed articolari cui consegue inevitabilmente una riduzione o perdita totale della capacità lavorativa e un degrado complessivo della qualità della vita”. Insomma, il wi-fi spaventa anche il Pd, eccome.

E a ragion veduta, a dar retta alla mozione, vista “la segnalazione anche nella nostra regione di casi di persone elettrosensibili imponga l’adozione di analoghe iniziative, mirate a consentire la massima tutela della salute e una migliore qualità della vita dei soggetti più vulnerabili”. Ergo, i consiglieri del Partito Democratico (e gli altri a ruota) impegnano la giunta regionale a “sostituire, per quanto possibile, negli ambienti scolastici e nelle altre strutture pubbliche ove se ne ravvisi la necessità, le reti locali wireless già esistenti con impianti a più bassa emissione di radiazioni che richiedano l’attivazione manuale da parte dell’utente e utilizzo limitato nel tempo e nello spazio”. E, se possibile, “ad adottare gli opportuni provvedimenti per costituire un gruppo di lavoro incaricato di approfondire le nuove tecnologie valutandone il carico di radiazioni, nonché di chiarire quali tecnologie a basse emissioni possano essere usate per la telefonia mobile, l’internet mobile e la protezione civile.

Infine “a predisporre una verifica degli effetti degli strumenti telematici, in dotazione alle scuole piemontesi, su alunne e alunni per stabilire le giuste modalità di utilizzo ai fini di un buon apprendimento adottando, nel contempo, le misure necessarie ai fini della tutela della salute e di un apprendimento sano”. In ultimo: “A realizzare campagne d’informazione e sensibilizzazione sui possibili rischi per la salute soprattutto di nascituri, bambini e giovani promuovendo un uso selettivo e consapevole di telefoni cellulari, smartphone e reti WLAN”. L’uscita della Appendino ha innescato ilarità generale, la mozione del Pd, ben più talebana, l’ossequio regionale. La sua mozione anti-wifii passa all’unanimità. E nessuno ride.