Dopo le violenze in Turchia l’eurodeputata Barbara Spinelli ha promosso un appello internazionale per chiedere ai rappresentanti delle istituzioni europee di vigilare sulla situazione interna al Paese sconvolto dalla repressione delle opposizioni, delle minoranze e delle libertà civili innescata da Erdogan il golpe militare sventato il 15 luglio. La lettera, sottoscritta da importanti di accademici (Varoufakis, Etienne Balibar, e tanti altri) più un certo numero di parlamentari europei, è indirizzata a Federica Mogherini, Alto rappresentante dell’Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza, e al direttore generale del Consiglio d’Europa a Thorbjørn Jagland. Ecco il testo.

Gentile Alto Rappresentante /Vice Presidente Federica Mogherini,

Gentile Segretario Generale Thorbjørn Jagland,

Venerdì 15 luglio la Turchia è stata vittima di un tentativo di colpo di stato che ha provocato più di 200 vittime, per la maggior parte civili, e più di 1400 feriti. Subito dopo, il Governo turco ha avviato un’epurazione su larga scala e del tutto sproporzionata in seno all’apparato statale. Dal giorno in cui ha avuto luogo il fallito colpo di stato, fino al 20 luglio 2016, il numero complessivo di epurazioni (sospensione dagli incarichi e arresti) nel servizio pubblico ammonta a più di 61.000 persone. Le purghe hanno colpito in particolare i seguenti settori: ministero della Giustizia (2.875 giudici e pubblici ministeri); Ufficio del Primo ministro (257 dipendenti); ministero degli Affari interni (8.777 agenti di Polizia, Gendarmeria, governatori di distretti provinciali, governatori locali e personale); ministero dell’Istruzione nazionale (21.738 dipendenti sospesi); Consiglio dell’Educazione Superiore (116 professori, compresi 4 rettori, più 1.577 presidi di facoltà cui è stato chiesto di dimettersi); ministero della Famiglia e delle Politiche sociali (393 impiegati statali); ministero delle Finanze (1.500 dipendenti); Agenzia di Intelligence nazionale (100 dipendenti); Autorità di Regolamentazione del Mercato energetico (25 dipendenti); ministero dello Sviluppo (16 dipendenti); ministero delle Foreste e delle Risorse idriche (197 dipendenti); ministero dell’Energia e delle Risorse naturali (300 dipendenti); ministero dello Sport e della Gioventù (245 dipendenti); ministero dell’Ambiente e dell’Urbanizzazione (70 dipendenti); Consiglio supremo per Radio e Tv (29 dipendenti); Agenzia di Regolazione e Supervisione bancaria (86 dipendenti); ministero del Commercio e delle Dogane (176 dipendenti); Autorità garante della Concorrenza (8 dipendenti); Corte militare d’Appello (35 dipendenti); ministero della Difesa (7 dipendenti); Borsa di Istanbul (51 dipendenti).

É stata revocata la licenza di insegnamento a 21.000 docenti di scuole private.

É probabile che i prossimi saranno gli accademici. Migliaia di universitari erano già sotto inchiesta, con l’accusa di “dare sostegno” alle attività terroristiche, per aver difeso la popolazione curda nel Sud-Est della Turchia, sottoposta nel corso dell’ultimo anno a un attacco esteso e letale da parte delle forze regolari turche.

Secondo numerose fonti – tra queste il Commissario europeo per la Politica di vicinato e i Negoziati per l’allargamento Johannes Hahn – la lista delle persone da arrestare era già pronta prima che iniziasse il colpo di stato. Alcune di queste fonti asseriscono che il colpo di stato è stato messo in atto come extrema ratio contro tali liste.

Il Primo ministro turco ha sospeso le ferie di più di tre milioni di dipendenti pubblici in tutto il Paese, e ai dipendenti del settore pubblico è stato vietato di viaggiare all’estero. Inoltre, secondo un’intervista rilasciata alla CNN il 18 luglio 2016, il Presidente turco Recep Tayyip Erdoğan non ha escluso la possibilità di ripristinare la pena di morte nel Paese. Nel frattempo, il Governo ha dichiarato lo stato d’emergenza e la sospensione temporanea della Convenzione europea dei Diritti umani, come consentito dall’articolo 15 CEDU. Questo articolo non permette però di venir meno al rispetto dei principi fondamentali sanciti dalla Convenzione.

Non esiste più, in conclusione, un sistema di pesi e contrappesi. Secondo alcuni resoconti, le persone messe sotto custodia non riescono a trovare avvocati difensori, perché nessuno si esporrebbe al rischio di difenderle e di entrare così a far parte della lista delle epurazioni.

La Turchia è firmataria della Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo e del Protocollo n. 6 della CEDU riguardante l’abolizione della pena di morte. Come Paese candidato all’adesione all’UE, la Turchia si è anche impegnata al pieno rispetto dei criteri di Copenhagen, tra cui la presenza di istituzioni stabili che garantiscano la democrazia, lo stato di diritto, i diritti umani e il rispetto e la protezione delle minoranze, oltre all’abolizione della pena capitale.

Noi, firmatari di questa lettera, condanniamo ogni tentativo di rovesciare l’ordinamento democratico attraverso colpi di stato militari. Al tempo stesso, tuttavia, condanniamo le purghe attuate dal Governo turco in violazione dei diritti umani e dello stato di diritto. Il principio di indipendenza e d’imparzialità del potere giudiziario – insieme alla libertà dei media – è alla base dello stato di diritto e della democrazia. L’indipendenza politica dei corpi insegnanti fa parte delle condizioni di esistenza di una società libera.

Chiediamo all’Alto Rappresentante / Vice Presidente Federica Mogherini, così come al Segretario generale del Consiglio d’Europa Thorbjørn Jagland, di seguire da vicino la situazione in Turchia per quanto riguarda il rispetto dei diritti umani e dello stato di diritto, e chiediamo di esigere l’immediata liberazione di tutti coloro che sono stati arbitrariamente arrestati e detenuti a seguito del fallito colpo di stato militare.

Ricordiamo il recente disegno di legge adottato dal Parlamento turco che revoca l’immunità dai procedimenti giudiziari per 138 parlamentari, appartenenti per lo più al partito di opposizione HDP e alla minoranza curda. Tutto sembra suggerire che il colpo di stato offra al Governo turco l’occasione di limitare ulteriormente il ruolo delle opposizioni e la loro funzione di vigilanza democratica. Poco dopo il suo arrivo a Istanbul, la mattina del 16 luglio, Erdogan ha affermato: “Questa insurrezione è un dono di Allah, perché ci consentirà di ripulire le forze armate”.

Chiediamo quindi all’Alto Rappresentante/Vice Presidente Mogherini di esaminare la situazione, prestando particolare attenzione alla condizione della minoranza curda e delle altre minoranze nel Paese. Esortiamo allo stesso modo il Segretario Generale Thorbjørn Jagland, perché ricordi al Governo turco l’obbligo di rispettare la Convenzione europea dei Diritti dell’Uomo e tutti i suoi Protocolli, che comprendono il diritto alla vita, al giusto processo, alla protezione da arresti arbitrari.

Sollecitiamo inoltre l’Alto Rappresentante/Vice Presidente Mogherini affinché chieda al Consiglio europeo di sospendere immediatamente l’accordo UE-Turchia firmato il 18 marzo 2016, alla luce dei recenti sviluppi e in considerazione del fatto che già al momento della firma dell’accordo la Turchia non era un “paese sicuro” per rifugiati e richiedenti asilo.

Infine chiediamo a tutti gli Stati membri dell’UE di impegnarsi con forza presso il Governo turco affinché nel Paese siano pienamente ristabiliti lo stato di diritto e i principi democratici, come condizione essenziale per futuri rapporti diplomatici e per la continuazione dei negoziati di adesione.  Con i migliori saluti,

Barbara SpinelliDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL)

Albena Azmanova Professore associato in Political and Social Thought, University of Kent, Brussels School of International Studies, UK

Étienne Balibar – Filosofo, Professore Emerito presso l’Université de Paris-Ouest, Francia, e Anniversary Chair in Modern European Philosophy, Kingston University London, UK

Seyla Benhabib Eugene Mayer Professor in Political Science and Philosophy, Yale University, USA

Sophie Bessis Storica, ricercatrice presso l’Institut de relations internationales et stratégiques di Parigi, Francia e Tunisia

Hamit Bozarslan Storico e politologo, Ecole des hautes études en sciences sociales di Parigi, Francia

Susan Buck-Morss – Filosofa politica, CUNY Graduate Center, NYC, USA

Judith Butler Maxine Elliot Professor in Comparative Literature and Critical Theory, University of California, Berkeley, USA

Claude Calame Storico e antropologo, Ecole des hautes études en sciences sociales di Parigi, Francia

Joseph H. Carens FRSC Professor in Political Science, University of Toronto, Canada

Maeve CookeMembro della Royal Irish Academy, MRIA School of Philosophy, University College Dublin, Irlanda

Vincent Duclert Storico, Ecole des hautes études en sciences sociales di Parigi, Francia

Didier Fassin – Professore in Social Sciences, Institute for Advanced Study, Princeton, USA

Éric FassinProfessore in Sociologie, Université de Paris-8, Francia

Shelley Feldman International Professor, Cornell University, USA

Michael HardtProfessor, Duke University, USA

David Harvey Distinguished Professor, Graduate Center of the City University of New York, USA

Marianne Hirsch William Peterfield Trent Professor in English and Comparative Literature e Direttrice dell’Institute for Research on Women, Gender, and Sexuality, Columbia University, USA

Philip Hogh Philosophy Department, Carl von Ossietzky University Oldenburg, Germania

Jean E. HowardGeorge Delacorte Professor in Humanities, Department of English and Comparative Literature, Columbia University, USA

Julia KoenigInstitute for Social Pedagogy and Adult Education, Goethe University, Frankfurt am Main

Elena LoizidouReader in Law and Political Theory at School of Law, Birkbeck, University of London, UK

Sandro Mezzadra Professore di Teoria politica, Università di Bologna, Italia

Jennifer Nedelsky Faculty of Law and Political Science, University of Toronto, Canada

Rosalind Petchesky Distinguished Professor Emerita in Political Science, Hunter College & the Graduate Center, City University of New York, USA

Ilaria PossentiDipartimento di Scienze umane, Università di Verona, Italia

Mary Louise Pratt Silver Professor, Professor Emerita of Social and Cultural Analysis, Spanish & Portuguese, Comparative Literature, New York University, USA 

Lynne SegalAnniversary Professor, Psychosocial Studies, Birkbeck College, University of London, UK

Vicky Skoumbi Caporedattore del quotidiano αληthεια (Aletheia), Grecia

Céline Spector Professore, Department de Philosophie Université Bordeaux Montaigne e membro onorario Institut Universitaire de France, Francia

Yanis Varoufakis Professore in Economic Theory presso l’Università di Atene, ex-ministro delle Finanze e deputato del Parlamento greco, Grecia

Frieder Otto WolfFreie Universität Berlin, ex-deputato del Parlamento europeo, Germania

Vladimiro Zagrebelsky ex Giudice della Corte Europea dei Diritti Umani

François AlfonsiPresidente dell’European Free Alliance (EFA) 

Brando Benifei Deputato del Parlamento europeo, Gruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici (S&D) 

José Bové Deputato del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE

Nicola Caputo Deputato del Parlamento europeo, Gruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici (S&D) 

Fabio Massimo CastaldoDeputato del Parlamento europeo, Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia Diretta (EFDD- M5S)

Fabio De Masi Deputato del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL) 

Karima Delli Deputata del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE 

Pascal DurandDeputato del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE

José Inácio Faria Deputato del Parlamento europeo, Gruppo Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE) 

Eleonora Forenza Deputata del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL)

María Teresa Giménez BarbatDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE)

Ana Maria Gomes Deputata del Parlamento europeo, Gruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici (S&D)

Tania González PeñasDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL)

Yannick JadotDeputato del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE 

Benedek Jávor Deputato del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE

Eva Joly Deputata del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE

Josu Juaristi AbaunzDeputato del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL) 

Jude Kirton-Darling Deputata del Parlamento europeo, Gruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici (S&D) 

Stelios KouloglouDeputato del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL) 

Merja KyllönenDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL)

Patrick Le HyaricDeputato del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL)

Paloma López BermejoDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL) 

Lorena Lopez de LacalleTesoriere della Treasurer European Free Alliance (EFA)

Marisa MatiasDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL)

Stefano MaulluDeputato del Parlamento europeo, Gruppo del Partito Popolare Europeo (PPE)

Marlene Mizzi Deputata del Parlamento europeo, Gruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici (S&D) 

Ulrike MüllerDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE)

Javier Nart Deputato del Parlamento europeo, Gruppo Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE)

Carolina PunsetDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE) 

Michèle RivasiDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE

Sofia SakorafaDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL)

Elly Schlein Deputata del Parlamento europeo, Gruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici (S&D 

Helmut Scholz Deputato del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL)

Branislav Škripek Deputato del Parlamento europeo, Gruppo dei Conservatori e Riformisti Europei (ECR)

Jordi SoleSegretario generale della European Free Alliance (EFA)

Bart Staes Deputato del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE

Dario TamburranoDeputato del Parlamento europeo, Gruppo Europa della Libertà e della Democrazia Diretta (EFDD- M5S)

Miguel Urbán CrespoDeputato del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL)

Pello Urizar Segretario Generale di Eusko Alkartasuna (Basque political party) 

Ernest Urtasun Deputato del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE 

Monika VanaDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE

Marie-Christine VergiatDeputata del Parlamento europeo, Gruppo Sinistra unitaria europea/Sinistra verde Nordica (GUE/NGL) 

Julie Ward Deputata del Parlamento europeo, Gruppo dell’Alleanza Progressista di Socialisti e Democratici (S&D)

Tatjana Ždanoka Deputata del Parlamento europeo, Gruppo Verdi/ALE