In cinque l’hanno violentata a turno in un garage. Tutti minorenni, tra i 15 e i 17 anni, sono stati arrestati dai carabinieri di Nocera Inferiore per violenza sessuale ai danni di una ragazza di 16 anni, originaria di Sarno. È successo a San Valentino al Torio, nel Salernitano, nella notte fra domenica 26 e lunedì 27 giugno, quando i ragazzini – stando alla ricostruzione dei carabinieri – hanno avvicinato la ragazza mentre camminava a piedi per le vie del centro del paese. La giovane è stata trascinata con la forza all’interno di un garage dove a turno, secondo l’accusa, i minori l’hanno stuprata. Sono definiti come “ragazzi normali”, tra i cinque non c’è nessun pregiudicato. La ragazzina frequentava abitualmente San Valentino Torio ma non aveva rapporti di amicizia con il gruppo.

Dopo aver raccontato tutto ai genitori, ha presentato una denuncia ai carabinieri di Sarno, che hanno identificato e rintracciato tutti e cinque i minori nelle proprie abitazioni. Nell’ospedale “Martiri di Villa Malta” alla giovane vittima sono stati riscontrati i segni evidenti della violenza sessuale subita. I cinque ragazzi sono stati portati al centro di prima accoglienza a disposizione della Procura dei minori di Salerno.

Giuseppe Canfora, sindaco di Sarno, comune dove vive la ragazzina, non riesce a credere a quanto accaduto. “Contatteremo la famiglia, non solo per farle sentire la vicinanza di tutta l’amministrazione, ma anche per darle tutto il sostegno umano e sociale di cui necessita. A memoria – dice – non ricordo un gesto tanto violento e crudele, soprattutto se pensiamo che a commetterlo sono stati dei minorenni nei confronti di una sedicenne. Si tratta di un pugno nello stomaco che ci ha sconvolti. Si deve fare giustizia, senza se e senza ma”. Parla di sconcerto e incredulità anche il sindaco di San Valentino Torio, Michele Strianese. “Non conosco – ammette – questi ragazzi. Gli stessi carabinieri sono molto restii a rilasciare informazioni. Il nostro comune è attento alle problematiche giovanili e alle politiche sociali. Quest’anno abbiamo creato un centro per minori, oltre ad un centro per disabili e uno per aggregazione giovanile. Mi sembra assurdo un gesto del genere, ad opera di cinque minorenni. Sono senza parole”. E a chiedere una “pena esemplare” è il leader della Lega, Matteo Salvini: “Per pedofili e stupratori maggiorenni, castrazione chimica. Per i minorenni almeno dieci anni di galera. E una domanda: ma che genitori hanno bestie del genere?”.