Un incendio, forse di origine dolosa, è divampato la sera del 17 maggio nel Centro di primo soccorso e accoglienza di contrada Imbriacola a Lampedusa. Secondo le prime informazioni non vi sarebbero feriti. Le fiamme hanno avvolto un padiglione che era già stato distrutto da incendi appiccato da migranti prima nel 2009 e poi nel 2011. Sul posto sono intervenute le squadre dei vigili del fuoco di stanza sull’isola.

L’incendio, secondo le prime ricostruzioni, è stato provocato da un gruppo di tunisini. Quattro di loro, sospettati di avere appiccato le fiamme, sono stati fermati mentre si allontanavano dal padiglione. La struttura, che era stata ricostruita dopo i primi due roghi, sarebbe gravemente danneggiata. Secondo una prima ricostruzione il rogo potrebbe essere stato appiccato dai migranti dopo che si era diffusa la voce di un loro possibile rimpatrio coatto in aereo.

Nella mattina, a Lampedusa si erano registrati gli ultimi due sbarchi: un gruppo di 14 tunisini era approdato in mattinata a Cala Galera. Altri 35 erano stati intercettati in serata dalla Guardia Costiera a poca distanza dall’isola.

All’interno del Centro di accoglienza, che funge anche da hotspot, nelle ultime settimane si erano registrate forti tensioni legate al rifiuto da parte di un gruppo di profughi, sopratutto eritrei e yemeniti, di sottoporsi alle procedure di identificazione e al rilascio delle impronte digitali. Una ventina di loro avevano anche manifestato in piazza, davanti alla Chiesa madre, dando vita a uno sciopero della fame e della sete durato quattro giorni.